Castello di Elmina

Il Castello di Elmina (in portoghese: Castelo de São Jorge da Mina) è uno dei circa trenta "castelli degli schiavi" o grandi fortezze commerciali costruite sulla Costa d'Oro dell'Africa occidentale (oggi Ghana), lungo il Golfo di Guinea, dai commercianti europei. È il più antico edificio europeo dell'Africa subsahariana.

Fatta erigere da Giovanni II del Portogallo nel 1482 come centro di scambio commerciale di nome Castelo de São Jorge da Mina (Castello di San Giorgio della Miniera), la fortezza, nota anche semplicemente come Mina o Feitoria da Mina, sorge nei pressi dell'attuale città di Elmina, in Ghana. Dopo la sua occupazione da parte dei Paesi Bassi nel 1637, rimase sotto il controllo degli olandesi sino al 1814. Nel 1872 la Costa d'Oro olandese passò all'Impero britannico. Nel 1957, con l'indipendenza del Ghana, il controllo della fortezza divenne appannaggio della colonia britannica.

Oggi è sito storico riconosciuto dall'UNESCO e Patrimonio ...Leggi tutto

Il Castello di Elmina (in portoghese: Castelo de São Jorge da Mina) è uno dei circa trenta "castelli degli schiavi" o grandi fortezze commerciali costruite sulla Costa d'Oro dell'Africa occidentale (oggi Ghana), lungo il Golfo di Guinea, dai commercianti europei. È il più antico edificio europeo dell'Africa subsahariana.

Fatta erigere da Giovanni II del Portogallo nel 1482 come centro di scambio commerciale di nome Castelo de São Jorge da Mina (Castello di San Giorgio della Miniera), la fortezza, nota anche semplicemente come Mina o Feitoria da Mina, sorge nei pressi dell'attuale città di Elmina, in Ghana. Dopo la sua occupazione da parte dei Paesi Bassi nel 1637, rimase sotto il controllo degli olandesi sino al 1814. Nel 1872 la Costa d'Oro olandese passò all'Impero britannico. Nel 1957, con l'indipendenza del Ghana, il controllo della fortezza divenne appannaggio della colonia britannica.

Oggi è sito storico riconosciuto dall'UNESCO e Patrimonio dell'umanità.

Nel 1987 ospitò le riprese del film di Werner Herzog Cobra Verde.

Pre-Portogallo

Intorno al XV secolo, le popolazioni stanziate sulla costa dell'Africa occidentale erano presumibilmente dei Fante, etnia di incerta relazione con l'etnia Akan. Erano un popolo di mercanti e minatori che commerciavano oro con il Mediterraneo e il Vicino Oriente dal medioevo, la cui origine va però tracciata nelle foreste che occupano le terre a nord della costa.

Queste popolazioni erano suddivise in comunità tribali distinte tra loro secondo linee di parentela. La famiglia era estremamente importante nella società e i capifamiglia erano uniti in comunità sotto un'autorità locale riconosciuta. Solo lungo la Costa d'Oro esistevano più di venti regni indipendenti. Elmina si trovava tra due diversi regni Fante: Fetu e Eguafo. Gli africani occidentali hanno coltivato antichi legami con altre parti del mondo. Il commercio di metalli comuni, le forme artistiche iconiche e il sistema agricolo rivelano che i collegamenti costieri transahariani e regionali prosperarono.

Arrivo dei Portoghesi
  Lo stesso argomento in dettaglio: Portogallo nell'età delle scoperte.

I portoghesi raggiunsero per la prima volta quella che divenne nota come la Costa d'Oro nel 1471. L'Infante Enrico il Navigatore aveva avviato l'esplorazione della costa africana nel 1418 alla ricerca di favoleggiate terre africane piene d'oro e avorio, d'una rotta meridionale per l'India che permettesse di aggirare il mondo islamico stabilendo un commercio diretto con l'Asia, nonché spinto da intenti di proselitismo cristiano e da velleità crociate (gli europei vivevano allora nel mito del regno del Prete Gianni il cui regno si trovava da qualche parte tra l'Africa e l'Asia).[1]

Per tutte queste ragioni, i portoghesi svilupparono il commercio con la Guinea. Fecero progressi graduali lungo la costa africana, raggiungendo in ogni viaggio un punto più lontano del precedente. Morto Enrico il Navigatore (1460), a causa dei primi magri ritorni delle esplorazioni africane, i reali portoghesi avevano perso interesse per le stesse. Nel 1469 pertanto, Alfonso V "l'Africano", concesse il monopolio del commercio in una parte del Golfo di Guinea a Fernão Gomes al costo di 200.000 real l'anno e a patto che esplorasse 100 leghe (480 km) di costa ogni anno per cinque anni.[2] Gomes impiegò gli esploratori João de Santarém, Pedro Escobar, Lopo Gonçalves, Fernão do Pó e Pedro da Sintra, andando ben oltre quanto richiestogli: sotto il suo patrocinio, i portoghesi attraversarono l'Equatore entrando nell'emisfero australe e trovarono le isole del Golfo di Guinea, tra cui São Tomé e Príncipe.[3] Nel 1471, gli esploratori di Gomes raggiunsero Elmina e vi scoprirono un fiorente commercio d'oro via terra tra i nativi e i commercianti arabi e berberi di passaggio. Gomes stabilì lì il proprio avamposto commerciale (feitoria) che divenne noto come "A Mina" (it. "La miniera").[4]

La costruzione del castello

Il commercio tra Elmina e il Portogallo crebbe durante il decennio successivo all'istituzione della feitoria.[4] Nel 1481, il neo incoronato Giovanni II del Portogallo decise di costruire un forte sulla costa per garantire la protezione della feitoria (opportunamente trasformata in un'azienda della Corona) per proteggere il commercio dell'oro ghanese che fu presto assorbito come monopolio reale. Re Giovanni inviò tutto il materiale necessario per costruire il forte su dieci caravelle e due navi da trasporto. I materiali, che comprendevano di tutto, dalle pesanti pietre di fondazione alle tegole, furono inviate, in forma premontata, insieme alle provviste per seicento uomini. Al comando di Diogo de Azambuja (1432–1518), la flotta salpò il 12 dicembre 1481 e giunse ad Elmina, in un villaggio detto "Delle Due Parti",[5] poco più di un mese dopo, il 19 gennaio 1482. Secondo alcuni storici, Cristoforo Colombo avrebbe fatto parte di questi equipaggi.[6][7][8][9]

All'arrivo, Azambuja incaricò un commerciante portoghese che aveva vissuto a Elmina d'organizzare un incontro con il capo locale, Kwamin Ansah (pt. "Caramansa"). Azambuja raccontò al capo i grandi vantaggi nella costruzione di un forte, inclusa la "protezione del potentissimo re del Portogallo". Durante l'incontro, Azambuja e Kwamin Ansah furono coinvolti in un grande rituale di pace che ha incluso una festa, musicisti e molti partecipanti, sia portoghesi sia nativi.[5] Kwamin Ansah, pur accettando la proposta di Azambuja come aveva già fatto con i portoghesi giunti prima di lui, era diffidente nei confronti di un insediamento permanente europeo. Tuttavia, con piani fermi già in atto, i portoghesi non si sarebbero lasciati scoraggiare. Dopo aver offerto doni, fatto promesse e accennato alle conseguenze del mancato rispetto degli accordi, i portoghesi hanno raggiunto un accordo con il riluttante Kwamin Ansah. Quando, la mattina dopo, iniziò la costruzione del forte, la riluttanza del capo indigeno si dimostrò fondata. Per costruire il forte nella posizione più difendibile della penisola, i portoghesi dovettero demolire le case di alcuni abitanti del villaggio che acconsentirono solo dopo essere stati risarciti. I portoghesi cercarono anche di estrarre una roccia vicina che gli abitanti di Elmina, animisti, credevano fosse la dimora del dio del fiume Benya.

Prima delle demolizioni, Azambuja aveva inviato un membro dell'equipaggio, João Bernaldes, con doni per il capo Kwamin Ansah e i suoi compaesani: bacinelle d'ottone, scialli e altra paccottiglia che sperava gli cattivassero la benevolenza degli indigeni mentre demoliva le loro case e le loro rocce sacre. Bernaldes consegnò però i doni solo 'dopo' l'avvio dei lavori, quando cioè gli indigeni erano ormai furenti per aver assistito alla demolizione senza preavviso o risarcimento.[5] I Fante insorsero, uccidendo diversi portoghesi, finché si raggiunse una nuova intesa ma la continua opposizione spinse i lusitani a bruciare il villaggio indigeno per rappresaglia. Pur in quest'atmosfera tesa, il primo piano della torre fu completato dopo soli venti giorni, come risultato dell'aver portato materiali prefabbricati. Il resto del forte e una chiesa annessa furono completati poco dopo, nonostante la resistenza della popolazione locale.

Apogeo e declino  Il Castello di Elmina nel XVI secolo

Il Castelo de São Jorge da Mina fu il primo edificio prefabbricato europeo dell'Africa subsahariana. Al suo completamento, Elmina si costituì come una vera e propria città. Azambuja fu nominato governatore e Re Giovanni II gli garantì il titolo di "Signore di Guinea", carica che mantenne fino al 1484, quando tornò a Lisbona. I successivi castellani furono tutti illustri elementi del Regno, nominati per periodi di tre anni. Il fortino accentrò ben presto l'importanza militare ed economica che in precedenza era stata detenuta dalla feitoria dell'isola di Arguim, al confine meridionale della Mauritania, la prima feitoria fondata dai lusitani durante le loro esplorazioni. Il 'Signore di Guinea' aveva pertanto vasti poteri concessigli dalla Corona, pur soggetti a un rigido regimento, per frenare il contrabbando di oro o altre pratiche illecite, e la loro autorità si estese agli altri avamposti successivamente fondati lungo la costa: Forte Santo Antonio (1515), il Castello di Osu, Forte San Sebastian (ca. 1525), ecc.

All'apice del commercio dell'oro, all'inizio del XVI secolo, dalla Costa dell'Oro venivano esportate annualmente 24.000 once d'oro, pari a un decimo dell'offerta mondiale complessiva. In quel periodo, divennero frequenti gli attacchi dei corsari francesi alle navi portoghesi di ritorno da Elmina, oltre che dall'India e dal Brasile. Lo stesso valeva per i Sea Dogs del Regno d'Inghilterra con la quale fu firmato un trattato nel 1570. Quando però l'Unione iberica operata da Filippo II di Spagna riunì sotto un unico scettro Spagna e Portogallo, le rotte e le feitoria lusitane tornarono ad essere bersaglio delle scorrerie inglesi. L'avvio della Guerra degli ottant'anni tra l'Impero spagnolo e le Province Unite d'Olanda scatenò inoltre contro l'impero coloniale portoghese un nuovo pericoloso nemico: la Compagnia olandese delle Indie occidentali. Nel 1596, gli olandesi fecero un primo tentativo infruttuoso di conquistare il castello. Il colpo riuscì nel 1637, quando ormai il Castelo de São Jorge era presidiato da solo quaranta soldati, malati e male armati, dopo di che Elmina divenne la capitale della Costa d'Oro olandese. Durante il periodo del controllo olandese, su una collina vicina fu costruita una nuova fortezza più piccola per proteggere São Jorge dagli attacchi dell'entroterra: Fort Coenraadsburg. Gli olandesi continuarono la tratta triangolare atlantica degli schiavi fino al 1814, quando abolirono la tratta degli schiavi, ai sensi del trattato anglo-olandese sulla tratta degli schiavi.[10]

Nel 1872, gli inglesi conquistarono il territorio olandese e il forte in base ai trattati anglo-olandesi di Sumatra del 1871.

^ (EN) Diffie B, Foundations of the Portuguese Empire, 1415–1580, University of Minnesota Press, 1977, p. 56, ISBN 0-8166-0782-6. ^ (EN) Thorn R, Discoveries After Prince Henry, su thornr.demon.co.uk. URL consultato il 24 dicembre 2006 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2006). ^ (PT) Semedo JdM, O Contrato de Fernão Gomes, su marinha.pt. URL consultato il 27 ottobre 2021 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013). ^ a b (EN) Castelo de Elmina, su ghanatourism.gov.gh, Governo del Gana. URL consultato il 24 dicembre 2006 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2007). ^ a b c (EN) Newitt M (a cura di), The Portuguese in West Africa, 1415–1670: A Documentary History, Cambridge University Press, 2010, p. 93, ISBN 0521768942. ^ (EN) Wada K, El Mina São Jorge da Mina, su BlackPast. ^ (EN) Hair PEH, Was Columbus' First Very Long Voyage a Voyage from Guinea?, in History in Africa, vol. 22, 1995, pp. 223–237. ^ (EN) Ghana History - Early Contact, su GlobalSecurity.org. ^ (EN) Asomaning H, Elmina Deserves World's Attention, su GhanaWeb. ^ Lawrence 1963, p. 36.
Fotografie di:
Dave Ley - CC BY-SA 3.0
Zones
Statistics: Position
4463
Statistics: Rank
34357

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Sicurezza
341862597Fai clic/tocca questa sequenza: :codice
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.

Google street view

Dove puoi dormire vicino Castello di Elmina ?

Booking.com
549.485 visite in totale, 9.238 Punti di interesse, 405 Destinazioni, 136 visite oggi.