Radimlja

Radimlja è una necropoli di stećak situata vicino a Stolac, in Bosnia ed Erzegovina. Si trova nel Vidovo polje, 3 km a ovest di Stolac, sulla strada che collega questa località con Čapljina. La necropoli di Radimlja è uno dei monumenti più preziosi del periodo medievale in Bosnia ed Erzegovina.

La maggior parte delle sue lapidi stećak risalgono al periodo che va dal 1480 fino alla fine del XVI secolo, come dimostra l'epitaffio su una delle lapidi. Questo era il periodo in cui la famiglia Miloradović-Stjepanović discendente della stirpe Hrabren viveva nell'insediamento situato sulla collina vicino Ošanići[1]. All'epoca il luogo era conosciuto come Batnoge e la creazione della necropoli coincide con l'ascesa di questa nobile famiglia.

La famiglia Miloradović-Stjepanović era di fede ortodossa. Il fondatore fu Milorad, che come capo dei Valacchi (organizzazione di allevatori e guerrieri) visse nella seconda metà del XIV secolo. Nel 1416 viene menzionato suo figlio Stipan, chiamato in appello da Ragusa per aver combattuto insieme a Petar Pavlović contro Sandalj Hranić e gli ottomani. Aveva tre figli: Petar Stjepanović fu menzionato per la prima volta nel 1473 e l'ultima volta nel 1486. Radoja Stjepanović morì tra il 1475 e il 1477. Vukić Stjepanović fu menzionato per l'ultima volta nel 1496.

Erano intitolati come voivodi e knezi, comandavano l'istituzione militare valacca e detenevano la terra tra Stolac e Mostar. Successivamente si sono integrati con successo nel sistema politico e sociale ottomano. La formazione katun di Petar e Vukić Hrabren faceva parte del gruppo valacco Donji Vlasi (Valacchi inferiori) del nahiye di Blagaj e il loro katun era il più grande con 127 case e 16 persone non sposate su 37 katun, 1383 case e 177 persone non sposate. All'epoca Petar Stjepanovič-Hrabren con gli knezi Vukac, Pavko, Stipan e Radivoj Popratović era incluso nell'ordine dei cittadini ragucani, così come il timariota ottomano. Nel 1505, quando il voivoda Radosav Hrabren fu sepolto, l'espansione della necropoli iniziò a declinare a causa dell'accettazione dell'Islam, della disintegrazione dell'organizzazione tribale e degli eventi sociali. I Miloradovići o Hrabreni divennero in seguito una famosa famiglia nobile nell'impero russo, tra il XV e il XIX secolo.

^ Errore nelle note: Errore nell'uso del marcatore <ref>: non è stato indicato alcun testo per il marcatore UnescoStolac
Fotografie di:
Statistics: Position
5062
Statistics: Rank
19399

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Sicurezza
498726513Fai clic/tocca questa sequenza: :codice
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.

Google street view

Video

Dove puoi dormire vicino Radimlja ?

Booking.com
547.766 visite in totale, 9.238 Punti di interesse, 405 Destinazioni, 2.574 visite oggi.