قصر المشور

( Palazzo El Mechouar )

Il Palazzo El Mechouar, in arabo قلعة المشور?, Qalʿat al-Mishwar, è un palazzo situato a Tlemcen in Algeria. Fu il palazzo reale della dinastia zayyanide, la dinastia che governò il Regno di Tlemcen (Algeria occidentale) dalla metà del XIII secolo fino alla metà del XVI secolo., Mechouar significa letteralmente "luogo del consiglio" e deve il suo nome alla stanza in cui i ministri si incontravano con i sultani della dinastia zayyande..

Il palazzo El Mechouar fa parte della cittadella omonima costruita nel 1145 sul luogo dove il sultano almoravide Yūsuf ibn Tāshfīn si accampò durante l'assedio di Agadir (l'antico nome di Tlemcen). La cittadella, di forma rettangolare, misura 200 metri di lunghezza e 150 m di larghezza, fu trasformata in un palazzo dal sultano zayyanide Yaghmurāsan ibn Zayyān.[1] Il palazzo-fortezza divenne la residenza ufficiale degli Zayyanidi.[2]

Dopo aver conquistato Tlemcen nel 1337 il sultano merinide del Maghreb al-Aqsa (Marocco) Abū al-Ḥasan ʿAlī si stabilì nel palazzo e ne fece la propria base operativa nel suo tentativo di unificare il Maghreb. Fu qui che nel 1339 sottoscrisse un'alleanza economica e militare con il visconte di Narbona Almarico III, ambasciatore del re Giacomo III di Maiorca.[3] La sua sconfitta a Qayrawan nel 1348 mise fine al dominio dei Merinidi sul Maghreb centrale e sull'Ifriqiya e il Mechouar tornò sotto il controllo zayyanide.

La cittadella e il palazzo furono ingranditi e abbelliti dai vari sultani Zayyanidi. Una moschea fu costruita nei primi anni del XIV secolo da Abū Ḥammū Mūsā I.[4]

Il corsaro ottomano Aruj Barbarossa conquistò la cittadella nel 1516 dopo che gli abitanti di Tlemcen lo chiamarono per cacciare il loro sultano Abū Ḥammū Mūsā III, che aveva giurato fedeltà agli spagnoli. Aruj controllò Tlemcen fino al 1518. L'ex sultano di Tlemcen fece appello agli spagnoli, che gli fornirono un esercito con cui assediò Tlemcen per sei mesi, Aruj riuscì inizialmente a fuggire, ma venne catturato e decapitato dagli spagnoli.[5]
Con la fine della dinastia zayyanide il palazzo iniziò a decadere, il restauro iniziò nel 2010.

^ Dominique Auzias et Jean-Paul Labourdette, Algérie 2009-2010, Le Petit Futé, coll. «Country Guide», 4 ed. (ISBN 978-2-7469-2196-2), p. 291 ^ Charles-André Julien, Histoire de l'Afrique du Nord: Des origines à 1830, Payot, coll. «Grande bibliothèque Payot», 1994 (ISBN 2228-887897), p. 520, 631-632, 646 ^ Henri Bresc, Yūsuf Rāġib, Le sultan mérinide Abū l-Ḥasan ʻAlī et Jacques III de Majorque: du traité de paix au pacte secret. Institut français d’archéologie orientale, 2011, p. 136 ^ Errore nelle note: Errore nell'uso del marcatore <ref>: non è stato indicato alcun testo per il marcatore ReferenceA ^ Charles-André Julien, Histoire de l'Afrique du Nord: Des origines à 1830, Payot, coll. «Grande bibliothèque Payot», 1994 (ISBN 2228-887897), pp. 520, 631-632, 646
Fotografie di:
Fayeqalnatour - CC BY-SA 4.0
Statistics: Position
521
Statistics: Rank
177654

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Sicurezza
567923814Fai clic/tocca questa sequenza: :codice
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.

Google street view

Dove puoi dormire vicino Palazzo El Mechouar ?

Booking.com
524.062 visite in totale, 9.230 Punti di interesse, 405 Destinazioni, 152 visite oggi.