One World Trade Center

Il One World Trade Center, solitamente Freedom Tower (Torre della Libertà), è l'edificio principale del New World Trade Center di New York. L'altezza dell'edificio è di 1 776 piedi, pari a 541,32 m. È dotato di 104 piani di cui 75 usufruibili. Il numero 1776 ft non è casuale: è stato scelto poiché rappresenta l'anno della dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti.

La torre sorge nell'angolo nord-ovest del sito, per un'area complessiva di 325 279 m². La costruzione del grattacielo è iniziata ufficialmente il 27 aprile 2006, con la posa della prima pietra, e si è conclusa il 30 giugno 2013, con la collocazione dell'antenna alta 100 m.

Attorno alla Freedom Tower sorgono anche altri edifici, di cui uno residenziale. Poco distante è ubicato anche il National September 11 Memorial & Museum, una collezione di immagini, cimeli e reperti storici riguardo agli attentati dell'11 settembre 2001.

1970–2001 One World Trade Center (1970-2001) LocalizzazioneStatoBandiera degli Stati Uniti  Stati Uniti Stato federato   New York LocalitàNew York Indirizzo285 Fulton Street, Manhattan, New York City, U.S. Coordinate40°42′43.68″N 74°00′47.42″W / 40.712134°N 74.013171°W40.712134; -74.013171 Informazioni generaliCondizioniDistrutto Costruzione1966–1970 Inaugurazione4 aprile 1973 Distruzione11 settembre 2001 Stileespressionismo strutturale Usoufficio, negozio, ristorante AltezzaAntenna/guglia: 527 m
Tetto: 417 m Piani110 Area calpestabile350 000 m² Ascensori95 RealizzazioneArchitettoMinoru Yamasaki, Emery Roth & Sons IngegnereMagnusson Klemencic Associates, Leslie E. Robertson AppaltatoreTishman Realty & Construction CostruttoreAutorità Portuale di New York e New Jersey ProprietarioAutorità Portuale di New York e New Jersey e Durst Organization

La Torre Nord fu una delle due cosiddette "Torri Gemelle" del complesso che costituiva il World Trade Center di New York, costruito nella Lower Manhattan a partire dalla seconda metà degli anni '60, sul progetto dell'architetto statunitense di origine giapponese Minoru Yamasaki. Nota anche come WTC 1 o One WTC, era un grattacielo di 110 piani alto 417 metri, distinguibile dalla Torre Sud solo per un'enorme antenna lunga 110 metri che la sormontava. Costruita tra il 1966 e il 1970 e inaugurata nel 1973, fu distrutta durante gli attentati dell'11 settembre 2001 dal volo American Airlines 11.

Nell'agosto 1974, l'acrobata francese Philippe Petit arrivò in cima alla torre, esibendosi poi tramite un filo in una pericolosa camminata verso l'altra torre, e ripetendosi nel numero ben otto volte. Due scalatori si sono esibiti arrivando in cima nel 1981 e nel 1983.

La torre nord fu il primo edificio ad essere colpito durante gli attentati dell'11 settembre 2001. Alle 08:46:28 locali, il volo American Airlines 11 si schiantò contro la torre centralmente tra il 93º e il 99º piano. Questo causò la distruzione di tutti e tre i pozzi degli ascensori e le tre scale d'emergenza, di conseguenza tutte le persone che si trovavano al di sopra della zona dell'impatto rimasero intrappolate; alcune si gettarono nel vuoto e altre morirono nel crollo avvenuto 102 minuti dopo, alle ore 10:28:31, quando la torre collassò su se stessa in posizione verticale circa 30 minuti dopo il crollo della Torre Sud (che crollò alle 9:59:04). I detriti del grattacielo danneggiarono gravemente il WTC 5, il WTC 6, il WTC 7 (che in seguito crollò), e distrussero anche il Marriott World Trade Center (WTC 3), già gravemente compromesso dal precedente crollo dell'altra torre.

La torre era stata precedentemente oggetto di un fallito attentato il 26 febbraio 1993: nei sotterranei dell'edificio un gruppo di terroristi parcheggiò verso mezzogiorno un furgone carico di 680 kg di esplosivo, facendolo poi esplodere e provocando la morte di 6 persone. Tuttavia il piano di far implodere il grattacielo affinché crollasse sull'altra torre fallì, e subirono danni solo le strutture secondarie più basse.

Ricostruzione

Dopo la distruzione degli edifici 1, 2, 3 e 7 (dei sette complessivi che componevano il World Trade Center nella sua realizzazione originaria) avvenuta il giorno 11 settembre 2001, ci fu un ampio dibattito sul futuro del sito del World Trade Center. Arrivarono proposte quasi subito, e nel 2003, la Lower Manhattan Development Corporation organizzò un concorso per stabilire come utilizzare il sito. Il rifiuto del pubblico verso il primo progetto portò a un secondo concorso, dove venne scelto il progetto di Daniel Libeskind. Questo progetto attraversò molte revisioni,[1] soprattutto a causa di disaccordi con lo sviluppatore Larry Silverstein. La critica è stata rivolta soprattutto al limitato numero di piani per gli uffici e altri servizi. Solo 82 piani sarebbero stati abitabili, e lo spazio ufficio di tutto il nuovo World Trade Center sarebbe stato ridotto di oltre 280.000 metri quadrati in confronto con il complesso originale. Il limite è stato imposto da Silverstein, il quale ha espresso la preoccupazione di un futuro attacco terroristico o un altro incidente. Gran parte dell'altezza dell'edificio sarebbe costituita da un grande open-air al di sopra del tetto della torre, che contiene le turbine eoliche e i giardini cielo. Nel modello successivo la struttura in acciaio è stata rimossa.[2]

Un progetto definitivo per la "Freedom Tower" è stato formalmente presentato il 28 giugno 2005. Per soddisfare le questioni di sicurezza sollevate dal New York City Police Department è stata aggiunta una base di cemento alta 57 m nel mese di aprile dello stesso anno. Il progetto originariamente prevedeva il rivestimento della base mediante vetro, al fine di smontare le critiche che sostenevano assomigliasse troppo a un "bunker di cemento", soluzione che tuttavia risultò poi impraticabile sulla base degli esiti dei test preliminari, i quali rivelarono come il vetro potesse essere facilmente frantumabile in grandi e pericolosi frammenti. Modifiche progettuali hanno condotto alla sostituzione con una semplice facciata costituita da pannelli in acciaio inox e vetro resistente a esplosioni.[3] Inoltre, è stato dichiarato che la torre sarebbe stata una struttura monolitica di vetro che riflette il cielo e che viene sormontata da un'antenna. Larry Silverstein dichiarò anche che per il 2012 il WTC sarebbe stato completamente ricostruito, più magnifico, più spettacolare di quanto non fosse mai stato. La costruzione della torre è iniziata nel mese di maggio con una cerimonia ufficiale che ha avuto luogo quando è arrivata la prima squadra di costruzione. L'edificio ha raggiunto la massima altezza ad agosto 2012 ed era pronto all'uso per la fine del 2013.[3]

Nel 2009, l'Autorità Portuale ha cambiato il nome ufficiale del palazzo da "Freedom Tower" a "One World Trade Center", affermando che questo nome era di più facile identificazione.[4][5] Nel maggio 2011, le planimetrie dettagliate della torre sono state esposte al Dipartimento per le Finanze di New York City, come risultato c'è stato un tumulto da parte dei media e dei cittadini della zona circostante, che temevano che i piani sarebbero potuti divenire l'obiettivo di un futuro attacco terroristico.[6]

La World Trade Center Association (WTCA) ha speso circa 500 000 dollari per modificare il nome della torre sui souvenir.[7]

Il 12 novembre 2013, la Height Committee of the Chicago ha annunciato che il One World Trade Center è l'edificio più alto degli Stati Uniti, con un'altezza di 1.776 piedi.[8]

^ Errore nelle note: Errore nell'uso del marcatore <ref>: non è stato indicato alcun testo per il marcatore cambiamenti progetto originale ^ (EN) One World Trade Center, su emporis.com, Emporis. URL consultato il 21 novembre 2013. ^ a b (EN) Karen Zraick, World Trade Center Update: Prismatic Glass Facade For WTC Tower Scrapped, in The Huffington Post. URL consultato il 5 dicembre 2011. ^ (EN) Amy Westfeldt, Freedom Tower has a new preferred name, su wtc.com, World Trade Center, 26 marzo 2009. URL consultato il 21 novembre 2013. ^ (EN) Slow building The towers will rise again. Probably., New York, The Economist, 23 aprile 2009. URL consultato il 21 novembre 2013. ^ (EN) Lois Weiss, Detailed maps and schematics of 1 World Trade Center easily found online, in New York Post, 19 maggio 2011. URL consultato il 21 novembre 2013. ^ (EN) Simone Foxman, The puzzling non-profit behind the “World Trade Center” name makes a surprising amount of money, su Quartz, 10 settembre 2013. URL consultato l'11 settembre 2023. ^ Copia archiviata, su myfoxny.com. URL consultato il 12 novembre 2013 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2013).
Fotografie di:
Michael Vadon - CC BY 2.0
Statistics: Position
6475
Statistics: Rank
11231

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Sicurezza
598643217Fai clic/tocca questa sequenza: :codice
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.

Google street view

Video

Dove puoi dormire vicino One World Trade Center ?

Booking.com
572.250 visite in totale, 9.238 Punti di interesse, 405 Destinazioni, 694 visite oggi.