La Grand Place (in olandese: Grote Markt) è la piazza centrale della città di Bruxelles. La circondano le case delle corporazioni, l'Hôtel de Ville (municipio) e la Maison du Roi.

È generalmente considerata come una delle più belle piazze del mondo. La Grande Place di Bruxelles è stata iscritta nel 1998 nella lista del patrimonio dell'umanità dell'UNESCO.

 La Grand Place dopo il Bombardamento di Bruxelles del 1695 in una stampa su disegno di Augustin Coppens

Nel X secolo, i Duchi di Lotaringia avevano costruito un forte su un'isola del fiume Senne (che allora scorreva all'incirca lungo il tracciato di quello che oggi è Anspachlaan, o Boulevard Anspach). Verso la fine dell'XI secolo, nei pressi del forte si provvide alla bonifica della zona, il quartiere della Grand-Place all'epoca, infatti, era un terreno paludoso contornato di vari isolotti sabbiosi. Presto vi s'installò un mercato all'aperto e finalmente prese il nome di Nedermerkt, il "Mercato basso".[1]

L'installazione di un luogo di mercato in questo punto è all'origine dello sviluppo commerciale di Bruxelles. Uno scritto datato 1174 menziona un "mercato basso" (forum inferius) situato vicino al punto d'inizio della navigabilità della Senne, utilizzato anche come luogo di carico/scarico delle barche (portus). Questo quartiere commerciale, dipendente dalla chiesa di San Nicola (patrono dei commercianti), si presentava allora allineato intorno a quello che era l'asse principale: lo Steenweg, oggi Steenstraat, o in francese "Rue des Pierres", via delle pietre, dal fatto che fu la prima via cittadina ad essere pavimentata. Era un'importante via che collegava all'epoca le due prospere regioni delle Fiandre e della Renania.

 La Maison du Roi

All'inizio del XIII secolo vennero costruiti tre mercati coperti tra un nuovo asse (l'odierna Grasmarkt, o Rue du Marché aux herbe, e il lato nord della piazza. Un mercato delle carni, uno del pane e uno dei tessuti. Questi mercati, proprietà dei Duchi di Brabante, permettevano di esporre le merci al riparo delle intemperie e di controllarne la qualità e la vendita a fini fiscali. Il crescere del commercio e le necessarie sistemazioni della piazza, a partire dall'inizio XIV secolo, cominciano a rilevare un'importanza esistenziale delle autorità della città (mercanti e artigiani) nei confronti di quelle dei signori. In seguito al nascere di problemi economici, il duca inizia a vendere via via parti dei suoi diritti sul controllo del commercio e dei mulini al Consiglio cittadino.

La Città di Bruxelles, in concorrenza con le vicine città di Malines e Lovanio, fa per prima costruire a sue spese, nel 1362, un nuovo e vasto Mercato dei tessuti nell'altro lato della piazza.[2] Poi acquista e demolisce tutte le case e botteghe che sorgono irregolari nella piazza al fine di stabilirne i confini. La costruzione del nuovo Stadhuis, Municipio, in più fasi fra il 1401 e il 1455, trasforma la piazza in sede del potere municipale, in contrapposizione al potere centrale simboleggiato dal vecchio Palazzo ducale del Coudenberg oggi scomparso. Di fronte al Municipio, il vecchio mercato del pane, che prenderà più tardi il nome di Maison du Roi, perde dal 1406 la sua funzione commerciale per essere trasformato in luogo di Giustizia. Intorno alla piazza si iniziano a costruire le residenze dei ricchi mercanti e le sedi delle potenti Corporazioni.

 Il Municipio e la Tour Inimitable

La piazza fu, nei secoli, teatro di numerosi avvenimenti storici. Nel 1523 vi vengono bruciati al rogo dall'Inquisizione Heinrich Voes e Johann Esch, i primi martiri protestanti. Quarant'anni più tardi, il 5 giugno 1568, i Conti d'Egmont e di Hornes vi vengono decapitati dal Duca d'Alba per aver ostacolato lo stabilirsi dell'Inquisizione nelle Fiandre e per essersi battuti per l'indipendenza dalla Spagna.

 La Tour Inimitable

Il 13, 14 e 15 agosto del 1695, nella Guerra della Grande Alleanza la piazza fu gravemente colpita durante il cosiddetto Bombardamento di Bruxelles da parte delle 70.000 truppe francesi del Re Sole, guidate dal maresciallo de Villeroy in rappresaglia all'attacco che la Lega di Augusta aveva portato alla città di Namur, controllata dai Francesi. La totalità delle case signorili e delle Corporazioni, costruite in legno vennero distrutte. Solo la facciata del Municipio con la Torre, la Maison du Roi ed alcune pareti in pietra resistettero alle palle incendiarie. La piazza venne ricostruita in meno di quattro anni, tutti gli edifici perduti che circondavano la piazza furono ricostruiti in pietra dalle varie corporazioni. Il loro impegno venne regolato dai consoli cittadini e dal Governatore di Bruxelles. I progetti furono sottoposti alle autorità per l'approvazione e da ciò conseguì una ricostruzione armoniosa, nonostante il concorso di stili architettonici diversi, dal gotico fino al barocco.

Nel corso dei due secoli successivi la piazza subì un lento degrado. Alla fine del XVIII secolo i Sanculotti distrussero una buona parte dei simboli e statue dell'Ancien Régime e in seguito gli edifici saranno vittime di rinnovi non sempre felici, ed interventi ambigui. Sotto l'impulso del sindaco Charles Buls, l'insieme sarà progressivamente restaurato o, dove necessario, ricostruito, sulla base dei piani originali e raffigurazioni dell'epoca della grande ricostruzione.

Nel 1856, al centro della piazza, sarà installata una fontana monumentale in commemorazione del venticinquesimo anniversario di regno di Leopoldo I; rimpiazzata già nel 1860 da un'altra dedicata ai Conti d'Egmont e di Hornes posta sul luogo della loro decapitazione (davanti alla Maison du Roi e oggi spostata nella piazza del Petit Sablon. La Grand-Place (Gruute Met in bruxellese) ha conservato il suo ruolo secolare di Mercato mattutino fino al 19 novembre 1959. In fiammingo è ancora chiamata Grote Markt.

^ (FR) JV Magazine - Grand-Place, plaisirs à volonté, su www.jvmagazine.be. URL consultato il 20 febbraio 2023. ^ Come raffigurato in una stampa del 1650 di Abraham Santvoort, occupante tutto il retro del Municipio (Musée de la ville de Bruxelles).
Fotografie di:
Evangelidis - CC BY 3.0
Steve Collis from Melbourne, Australia - CC BY 2.0
Wouter Hagens - CC BY-SA 3.0
Statistics: Position
3387
Statistics: Rank
34357

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Sicurezza
347856921Fai clic/tocca questa sequenza: :codice
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.

Google street view

Dove puoi dormire vicino Grand Place (Bruxelles) ?

Booking.com
521.856 visite in totale, 9.230 Punti di interesse, 405 Destinazioni, 236 visite oggi.