Знаменская церковь (Дубровицы)

( Chiesa della Madonna del Segno (Dubrovicy) )

La Chiesa dei Miracoli della Madonna del Segno a Dubrovicy (in russo: Церковь Зна́мения Пресвятой Богоро́дицы в Дубровицах?), anche nota come Chiesa dell'Apparizione della Beata Vergine Maria è una chiesa parrocchiale della diocesi di Podol'sk della Chiesa ortodossa russa. La chiesa si trova nel villaggio di Dubrovicy, nel distretto urbano Podol'sk, nell'Oblast' di Mosca, in Russia. Il villaggio di Dubrovicy si trova a circa 36 chilometri a sud della capitale russa. Dubrovicy appartenne alle famiglie nobili di Morozov, Golicyn e Dmitriev-Mamonov. La tenuta è composta da un palazzo, un cortile per cavalli con cancello gotico, diverse dipendenze, una chiesa e un parco. La chiesa è famosa per la sua architettura unica, insolita per l'architettura russa, e per la sua storia travagliata: in tre occasioni (durante la campagna di Russia del 1812, in seguito alla rivoluzione del 1917 e durante l'invasione na...Leggi tutto

La Chiesa dei Miracoli della Madonna del Segno a Dubrovicy (in russo: Церковь Зна́мения Пресвятой Богоро́дицы в Дубровицах?), anche nota come Chiesa dell'Apparizione della Beata Vergine Maria è una chiesa parrocchiale della diocesi di Podol'sk della Chiesa ortodossa russa. La chiesa si trova nel villaggio di Dubrovicy, nel distretto urbano Podol'sk, nell'Oblast' di Mosca, in Russia. Il villaggio di Dubrovicy si trova a circa 36 chilometri a sud della capitale russa. Dubrovicy appartenne alle famiglie nobili di Morozov, Golicyn e Dmitriev-Mamonov. La tenuta è composta da un palazzo, un cortile per cavalli con cancello gotico, diverse dipendenze, una chiesa e un parco. La chiesa è famosa per la sua architettura unica, insolita per l'architettura russa, e per la sua storia travagliata: in tre occasioni (durante la campagna di Russia del 1812, in seguito alla rivoluzione del 1917 e durante l'invasione nazista della seconda guerra mondiale) ha rischiato di essere distrutta, senza tuttavia subire seri danni. La tenuta Dubrovicy e la chiesa hanno lo status di sito del patrimonio culturale in Russia.

 Boris Alekseevič Golicyn, il fondatore della chiesa

Nel primo quarto del XVII secolo, Dubrovicy appartenne all'antica famiglia moscovita dei Morozov. Sotto di essi furono costruite una chiesa in legno intitolata al Profeta Elia e una casa padronale. Nel 1688 Dubrovicy fu acquisita da Boris Alekseevič Golicyn (1654-1714), collaboratore e tutore del giovane Pietro I. Il 22 luglio 1690 (1º agosto, secondo il calendario gregoriano), iniziò la costruzione di una nuova chiesa in pietra sul sito della vecchia chiesa in legno, che venne demolita e trasportata nel vicino villaggio di Lemešovo.[1] Per la costruzione della chiesa B.A. Golicyn invitò un architetto e scultori stranieri, che si ritiene fossero italiani. Il nome del capo architetto non è noto con certezza.[2]

La costruzione della chiesa, portata avanti durante i periodi estivi, durò 14 anni. In inverno gli intagliatori di pietra lavoravano nelle baracche. Gli artigiani russi coadiuvarono gli architetti stranieri nella costruzione della chiesa. La chiesa fu eseguita in stile Barocco Golicyn (variazione del Barocco moscovita). La facciata è completamente ricoperta da intagli con motivi floreali e decorata con sculture. La chiesa è coronata da una cupola a forma di corona dorata. Anche l'interno della chiesa è riccamente decorato, con composizioni scultoree e rilievi in stucco su temi biblici ed evangelici. Gli elementi dell'arredamento esterno e interno non appartengono alla tradizione russa di quel tempo. Nel 1699 la chiesa era già stata edificata, ma il patriarca Adriano non diede il permesso per la sua consacrazione, in quanto creata a imitazione delle chiese cattoliche.[3]

La chiesa fu consacrata soltanto dopo la morte del patriarca Adriano dal metropolita Stefano di Rjazan' l'11 (22) febbraio 1704, alla presenza dello zar Pietro I, dello zarevic Aleksej Petrovič, e di molte illustri personalità laiche e religiose.[4]

Entro la metà del XVIII secolo (la data esatta non è nota), sul lato sud-ovest della chiesa fu costruito un campanile a tre livelli, anch'esso barocco, ma con uno stile più sobrio e tradizionale.[5]

Dal dicembre 1788, il conte Aleksander Matveevič Dmitriev-Mamonov (1758-1803) divenne il proprietario della tenuta. A partire da questo momento il conte realizzò un'importante ristrutturazione della tenuta e degli interni del palazzo. Dopo la morte di A. M. Dmitriev-Mamonov, Dubrovicy venne ereditato da suo figlio, Matvej Aleksandrovič Dmitriev-Mamonov (1790-1863). Matvej prese parte alla Campagna di Russia del 1812 e alla campagna europea dell'esercito russo nel 1813-1814. Durante la Campagna di Russia del 1812 un piccolo distaccamento di cavalleria del maresciallo francese Gioacchino Murat passò per Dubrovicy il 10 (22) ottobre 1812 durante la ritirata; la chiesa non fu danneggiata. Dopo la guerra, il conte Matvej Aleksandrovič partecipò a organizzazioni rivoluzionarie segrete e diede inizio alla costruzione di fortificazioni militari a Dubrovicy. In base al progetto del proprietario, intorno alla tenuta furono erette mura con porte gotiche, con un muro in pietra che correva lungo il lato est della chiesa.[6] In seguito il conte Matvej Alexandrovič fu dichiarato pazzo e posto sotto tutela per il resto della sua vita.

Tra il 1848 e il 1850, sotto la guida del famoso architetto Fëdor Fëdorovič Richter (1808-1868), la chiesa di Dubrovicy fu restaurata da artigiani russi con fondi stanziati dal tesoro imperiale per ordine dell'imperatore Nicola I. I versi e le iscrizioni in latino furono sostituiti con traduzioni in lingua russa.

La consacrazione della chiesa restaurata avvenne il 27 agosto (8 settembre) 1850 dal metropolita Filaret (Drozdov) di Mosca e Kolomna.[7]

Nel 1864, lo knjaz Sergej Michailovič Golicyn (1843-1915) divenne il proprietario della tenuta di Dubrovicy, che tornò quindi alla famiglia Golicyn. Sotto di lui fu smantellato un muro di pietra e furono costruiti cottage estivi, che venivano affittati nei periodi estivi.[8] In estate, durante le principali festività religiose, venivano portati fuori tavoli sul prato vicino alla chiesa e si tenevano feste per il tè. Su un tumulo creato accanto alla chiesa si svolse un servizio funebre per i caduti nella battaglia di Borodino durante la Campagna di Russia del 1812.

All'inizio del XX secolo nella chiesa operavano una scuola parrocchiale e un rifugio per i poveri. Dopo il 1917 la chiesa operò per più di dieci anni, fino a quando nel 1929 i servizi al suo interno cessarono a causa di un divieto imposto dal regime sovietico. Molte sculture di santi e statue di angeli che decoravano l'edificio furono danneggiate da azioni vandaliche. Nel settembre del 1931 il campanile fu fatto saltare in aria da militanti atei.

Nel 1941, durante l'offensiva nazista su Mosca, la chiesa fu minata in quanto obiettivo strategico. Le truppe dell'Asse vennero però fermate e non venne dato l'ordine di far saltare in aria la chiesa.

Nell'agosto 1960, la tenuta Dubrovicy e la chiesa furono riconosciute come monumenti architettonici e poste sotto protezione statale. Nel 1961 l'edificio del palazzo venne occupato dall'Istituto di ricerca sulla zootecnia (VIZh) e la chiesa, passata sotto la proprietà dell'istituto, venne come magazzino.

Dal 1966 al 1990 sono stati eseguiti lavori di restauro nella tenuta, a seguito dei quali il palazzo è stato parzialmente riportato all'aspetto originario, ma il restauro della chiesa non è stato completato. Si prevedeva di utilizzare la chiesa come museo di architettura religiosa.

La chiesa è stata restituita al culto nel 1990. La prima liturgia nella chiesa è stata celebrata il 14 ottobre 1990. Tra il 2002 e il 2003 sono stati eseguiti lavori di restauro in preparazione del 300º anniversario della costruzione della chiesa. Furono ricostruiti gli interni, fu restaurato il pavimento in marmo e fu sistemato il terreno adiacente alla chiesa. La croce che coronava la chiesa è stata restaurata e la vecchia corona fatiscente è stata sostituita con una nuova. Il tumulo situato accanto alla chiesa è stato attrezzato e sulla sua sommità è stata installata una piattaforma di osservazione. All'interno della chiesa sono stati ripristinati gli originali versi latini nei cartigli che accompagnano gli altorilievi. Le icone sono state restaurate nel laboratorio del Museo statale di storia e nel laboratorio della Galleria Tret'jakov.[9] Tuttavia, il restauro della decorazione esterna della chiesa è rimasto incompiuto. Il 7 ottobre 2009 il World Monuments Fund ha inserito la chiesa nell'elenco dei siti in pericolo di distruzione.[10]

Nel 2022 vicino alla chiesa è stato restaurato un campanile a tre piani, distrutto nel 1931. Per celebrare il sacramento del battesimo, al piano inferiore del campanile è stata costruita una chiesa in onore dei martiri Adriano e Natalia. L'8 novembre 2022, il patriarca Cirillo di Mosca e di tutte le Russie ha consacrato questa chiesa.

^ Konstantin Semenov, pp. 7–10. ^ A. M. Tarunov, p. 31. ^ Konstantin Semenov, p. 12. ^ A. M. Tarunov, pp. 37–38. ^ A. M. Tarunov, p. 89. ^ A. M. Tarunov, p. 74. ^ Konstantin Semenov, p. 28. ^ A. M. Tarunov, p. 104. ^ Chiese ortodosse (rivista), p. 13. ^ (EN) Fondo Mondiale dei Monumenti — Guarda i Monumenti del Mondo 2010, su wmf.org.
Fotografie di:
Cons Ph - CC BY-SA 4.0
Statistics: Position
2424
Statistics: Rank
52071

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Sicurezza
987532164Fai clic/tocca questa sequenza: :codice
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.

Google street view

Dove puoi dormire vicino Chiesa della Madonna del Segno (Dubrovicy) ?

Booking.com
570.604 visite in totale, 9.238 Punti di interesse, 405 Destinazioni, 2.628 visite oggi.