Pilatus

Il Pilatus è un massiccio montuoso delle Prealpi Svizzere, il più elevato delle Prealpi di Lucerna, situato appena a sud ovest della città di Lucerna. Il massiccio si trova sul confine tra i cantoni di Lucerna, Nidvaldo e Obvaldo.

La vetta più elevata è il Tomlishorn, e raggiunge i 2128 m s.l.m.

Sulla cima del Pilatus Kulm (2106 m s.l.m.), generalmente indicata con il solo nome di Pilatus, è posto un importante centro turistico con strutture ricettive ed alberghi, da cui si gode di un panorama eccezionale sulla regione del Lago dei Quattro Cantoni. La vetta è collegata alla città di Alpnach dalla Pilatusbahn, la ferrovia a cremagliera più ripida del mondo con una pendenza massima del 48%, attiva da maggio a novembre, in assenza di neve. Il Pilatus Kulm è raggiungibile anche per mezzo di funivia aerea che parte da Kriens.

Nel medioevo il massiccio del Pilatus era chiamato Mons fractus ("montagna spezzata"), Frakmont o Fräkmünd. Nel riferimento più antico, risalente circa al 1100, è chiamato Fractus mons. Due rilievi su entrambi i lati del massiccio portano ancora oggi i nomi di Fräkmüntegg e Fräkmünt. Il nome tramutò in seguito in Mons pileatus, dal latino Mons "montagna" e Pila "pilastro/montante", ad indicare i pilastri di roccia che costituiscono la forma frastagliata della montagna; viene da qui riferito come Pylatus (1480), Mons Pilati (1555), Pilatusberg.

Un'altra interpretazione linguistica è la derivazione da pileo, antico copricapo di feltro: pileatus indicherebbe quindi la montagna che indossa un cappello costituito dalle frequenti nuvole che ne avvolgono le cime.

Fu solo più tardi che il preesistente nome Pilato venne associato al prefetto di Roma a Gerusalemme, Ponzio Pilato. La leggenda narra che Ponzio Pilato trovò il suo ultimo luogo di riposo nell'ormai insabbiato lago di montagna Pilatussee vicino Oberalp. Ovunque si cercò di seppellire il corpo, si verificarono tempeste violente. Ecco perché è stata scelta un'alta montagna come Frakmont, in cui le tempeste infuriavano comunque. Ogni Venerdì Santo, il governatore romano della Giudea dovrebbe uscire dalla sua tomba sommersa e sedersi in tribunale in piena regola. Fino al XVI secolo, il consiglio comunale di Lucerna proibiva l'ascesa della montagna con la minaccia della punizione. Il Pilatus non dovrebbe essere disturbato nel lago di montagna, e nessuna tempesta dovrebbe essere evocata. Se qualcuno avesse osato irritare lo spirito di Pilato, ad esempio lanciando un sasso nell'acqua ferma, avrebbe causato terribili tempeste con gravi devastazioni fino a Kriens.

Questa leggenda era nota nell'antichità cristiana ed era comune nel Medioevo. La loro popolarità contribuì molto al fatto che il nome convenzionale "Fräkmünt" fu gradualmente sostituito nel XVI secolo con il nome Pilatus, documentato per la prima volta nel 1475.

Il mondo delle leggende dentro e intorno al massiccio del Pilatus è molto vario. In passato, il Pilatus non era la montagna sublime locale per i lucernesi, ma piuttosto la sede oscura di infide tempeste e cascate che rotolavano verso la città. Divenne la sede di draghi e mostri, di streghe e maghi, ma anche la casa dei piccoli buoni minatori, che erano ben disposti alla gente, che proteggeva il camoscio, ma puniva i malvagi e il cuore duro.

 Il monte Pilatus visto da Lucerna.

Le leggende e le storie più note sull'area del Pilatus (tra 653 e 670 latitudine e 197 e 214 longitudine) includono:

La leggenda del prefetto Ponzio Pilato e la sua sepoltura nel lago Pilatus La pietra del drago di Lucerna Il latte di monte] dal Mondmilchloch Il segreto della Dominikhöhle Nella ripida parete nord del campo dell'Ariete è possibile vedere una grotta rocciosa chiamata Dominiloch (anche: Dominikhöhle). Un masso coperto di calcare e indipendente all'ingresso della grotta è stato interpretato come un uomo che, incantato lì, si trova a un tavolo con le braccia e le gambe incrociate. Un'intera serie di leggende si formarono attorno a questa figura congelata: Anni fa si diceva che ci fosse una cappella a Bründlen che fu seppellita da una frana. La statua di san Domenico fu miracolosamente trasferita in questa grotta. Tre giovani ragazzi una volta chiamavano il personaggio nomi diversi, ma lei rispondeva solo al nome Dominik. Tuttavia, chi la chiama un nome diverso morirà nello stesso anno. Secondo un'altra leggenda, un gigante viveva una volta nella Dominikhöhle, che era una fedele guardia del paese e della sua gente. Ma quando dormì e si svegliò per vedere che lo svizzero stava ottenendo lo svizzero, il suo corpo si congelò e si trasformò in pietra.

La prima documentazione storica di ascesa sulla montagna risale a Joachim Vadiano, umanista svizzero che vi salì nel 1518.

Fotografie di:
Statistics: Position
1788
Statistics: Rank
70449

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Sicurezza
316749285Fai clic/tocca questa sequenza: :codice
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.

Google street view

Dove puoi dormire vicino Pilatus ?

Booking.com
572.007 visite in totale, 9.238 Punti di interesse, 405 Destinazioni, 434 visite oggi.