Gereja Ayam (in indonesiano "chiesa gallina") è il nome con cui è noto un luogo di culto multireligioso situato nel territorio di Magelang, sull'isola di Giava in Indonesia.

 La facciata

La costruzione di questo edificio è dovuta al giavanese Daniel Alamsjah (nato il 17 ottobre 1943[1]), che nel 1988 avrebbe avuto la visione di un grande tempio a forma di colomba sulla cima di una collina; sebbene egli sia cristiano, in questa visione una voce gli chiedeva che il tempio fosse un luogo di culto per fedeli di tutte le religioni. Inizialmente Alamsjah liquidò la cosa come frutto di un'allucinazione, ma si decise poi a costruirlo quando un suo collega lo invitò a vedere l'alba su una collina chiamata Bukit Rhema: Alamsjah la riconobbe come il posto che aveva visto in sogno, e nel giro di poche settimane aveva già comprato un appezzamento di 5000 metri quadrati e aveva richiesto la concessione edilizia[2]. La costruzione cominciò nel 1992, supervisionata nei fine settimana da Alamsjah (che all'epoca lavorava come project manager) ed eseguita da un gruppo di trenta uomini del posto; i lavori proseguirono per una decina d'anni, nonostante un'enorme quantità di proteste (principalmente causate da un articolo di giornale del 1996 che affermava che "un cristiano stava costruendo una chiesa in un quartiere musulmano"), e dovettero infine arrestarsi nel 2000 per mancanza di fondi[3][4][2]. Cionondimeno la struttura, quasi completa, venne aperta al pubblico nel corso degli anni 1990: ai piani superiori venivano celebrate funzioni religiose, mentre quelli inferiori erano impiegati per opere di aiuto sociale, come la riabilitazione e l'aggregazione giovanile[4].

Dopo lo stop ai lavori, Gereja Ayam cadde in progressivo abbandono per circa quindici anni, dopodiché cominciò a diventare famosa fra i turisti in visita al tempio di Borobudur, situato a meno di 3 km di distanza. Il flusso di curiosi aumentò esponenzialmente grazie alla diffusione delle immagini su internet e ad alcuni articoli di giornale (ad esempio due del The Daily Mail e dell'Huffington Post, entrambi del 13 luglio 2015), rendendola una celebre attrazione turistica; venne anche scelta come set per Ada Apa Dengan Cinta? 2, sequel del celebre film indonesiano Ada Apa Dengan Cinta?. Cogliendo la palla al balzo, Alamsjah fissò un prezzo di diecimila rupie (meno di un dollaro) a persona per l'ingresso, che gli permise di riprendere la costruzione e la decorazione[3][2].

All'edificio è dedicata una parte del film documentario del 2016 Dentro l'inferno, in cui si espone una teoria secondo cui sarebbe in qualche modo legato a un vicino vulcano[4].

^ (EN) Founder, su Bukhit Rhema. URL consultato il 15 febbraio 2023. ^ a b c (EN) Theodora Sarah Abigail, Meet the Man Behind Indonesia’s Chicken Church, su Atlas Obscura, 2 maggio 2018. URL consultato il 15 febbraio 2023. ^ a b Errore nelle note: Errore nell'uso del marcatore <ref>: non è stato indicato alcun testo per il marcatore guardian ^ a b c Errore nelle note: Errore nell'uso del marcatore <ref>: non è stato indicato alcun testo per il marcatore atlas
Fotografie di:
Liuzhary - CC BY-SA 4.0
Statistics: Position
2538
Statistics: Rank
48011

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Sicurezza
798645321Fai clic/tocca questa sequenza: :codice
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.

Google street view

Dove puoi dormire vicino Gereja Ayam ?

Booking.com
572.943 visite in totale, 9.238 Punti di interesse, 405 Destinazioni, 23 visite oggi.