Muzeum Historii Żydów Polskich Polin

( POLIN Museo della storia degli ebrei polacchi )

Il POLIN Museo della storia degli ebrei polacchi (in polacco: POLIN Muzeum Historii Żydów Polskich) è un museo di Varsavia, sito nella zona ove sorgeva il ghetto nel periodo dell'occupazione tedesca durante la seconda guerra mondiale. La parola ebraica polin nel nome del museo significa, in italiano, o "Polonia" o "riposo qui" ed è legata ad una leggenda sull'arrivo dei primi ebrei in Polonia.

La prima pietra del museo fu posta nel 2007, e il museo è stato inaugurato il 19 aprile 2013; l'esposizione principale del museo è stata aperta nel mese di ottobre 2014 e si compone di una mostra-racconto multimediale sulla comunità ebraica che fiorì in Polonia per circa mille anni fino alla Shoah.

L'edificio, una struttura in vetro, rame, e cemento, è stato progettato dagli architetti finlandesi Rainer Mahlamäki e Ilmari Lahdelma.

 Il Presidente della Repubblica polacco Lech Kaczyński, alla cerimonia della posa della prima pietra del museo, il 26 giugno 2007

L'idea per la creazione di un nuovo importante museo a Varsavia dedicato alla storia degli ebrei polacchi è stato avviato nel 1995 dalla Associazione dell'Istituto storico ebraico di Polonia.[1] Nello stesso anno, il Consiglio comunale di Varsavia ha destinato il terreno per l'edificio nella zona di Muranów, quartiere ebraico storico della città e sito del ghetto durante la seconda guerra mondiale, di fronte al Monumento agli Eroi del ghetto di Varsavia. Nel 2005, l'Associazione dell'Istituto storico ebraico di Polonia ha stabilito un partenariato pubblico-privato con il Ministero polacco della Cultura e del Patrimonio Nazionale e la città di Varsavia. Primo direttore del museo è stato Jerzy Halbersztadt. Nel settembre 2006, una tenda appositamente progettata chiamata Ohel (la parola ebraica per "tenda" in italiano) è stata eretta per mostre ed eventi nella posizione futura del museo.[1]

Un concorso internazionale di architettura per i disegni per la costruzione è stato lanciato nel 2005, sostenuto da una sovvenzione da parte del Ministero della Cultura e del Patrimonio Nazionale. Il 30 giugno 2005 la giuria ha annunciato il vincitore; un team di due architetti finlandesi, Rainer Mahlamäki e Ilmari Lahdelma.[2] Il 30 giugno 2009 la costruzione dell'edificio è stata inaugurata ufficialmente. Il progetto doveva essere completato in 33 mesi, ad un costo di 150 milioni di zloty stanziati dal Ministero e dal Comune su un costo totale di 320 milioni di zloty (circa 80 milioni di euro).[3][4]

Il museo ha aperto l'edificio e ha iniziato i suoi programmi educativi e culturali il 19 aprile 2013 nel 70º anniversario della Rivolta del ghetto di Varsavia. Durante i 18 mesi che seguirono, più di 180 000 visitatori sono entrati nell'edificio, hanno visitato le prime mostre temporanee e hanno partecipato a programmi ed eventi culturali ed educativi, tra cui film, dibattiti, workshop, spettacoli, concerti e conferenze. La apertura della mostra permanente principale è avvenuta il 28 ottobre 2014.[5] Questa mostra permanente celebra e racconta la storia millenaria della comunità ebraica in Polonia, dalle origini fino ad oggi.[6][7]

Nel 2016 il museo ha vinto il Premio del museo europeo dell'anno dallo European Museum Forum.[8]

Nel 2020 il direttore del museo Dariusz Stola si è dimesso a causa delle divergenze con il governo di Mateusz Morawiecki, espressione di Diritto e Giustizia, il partito di estrema destra, che lo ha accusato di aver politicizzato il museo dando risalto all'antisemitismo.[9]

^ a b A.J. Goldmann, "Polish Museum Set To Open Spectacular Window on Jewish Past" The Jewish Daily Forward, April 01, 2013. ^ Konkurs na projekt [Contest for the design of the Museum], Stołeczny Zarząd Rozbudowy Miasta (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2013). ^ Zapis przebiegu posiedzenia komisji, su sejm.gov.pl, 25 settembre 2013. URL consultato il 15 ottobre 2015. ^ http://www.mkidn.gov.pl/media/docs/2013/20130416_mzhp.pdf ^ Znamy datę otwarcia wystawy Muzeum Historii Żydów Polskich Archiviato il 18 ottobre 2014 in Internet Archive. 22 January 2014 ^ Errore nelle note: Errore nell'uso del marcatore <ref>: non è stato indicato alcun testo per il marcatore About ^ Errore nelle note: Errore nell'uso del marcatore <ref>: non è stato indicato alcun testo per il marcatore AP1 ^ Polish Jewry museum wins European Museum of the Year Award, Jewish Telegraphic Agency, 10 aprile 2016. URL consultato l'11 aprile 2016. ^ Storia e musei: come la Polonia veicola un’idea falsa sul proprio passato (ma l'incognita Coronavirus potrebbe cambiare tutto), su il Dolomiti, 22 aprile 2020. URL consultato il 25 agosto 2021.
Fotografie di:
Zones
Statistics: Position
3421
Statistics: Rank
33693

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Sicurezza
936714852Fai clic/tocca questa sequenza: :codice
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.

Google street view

Video

Dove puoi dormire vicino POLIN Museo della storia degli ebrei polacchi ?

Booking.com
522.915 visite in totale, 9.230 Punti di interesse, 405 Destinazioni, 44 visite oggi.