Nisa (città)

Nisa (Greco antico: Νῖσος, Νίσαιον, Νίσα,Turkmeno: Nusaý, Persiano - نسا) era un'antica città partica dell'Asia centrale distante una quindicina di chilometri dal centro di Ashgabat, capitale del Turkmenistan. Fondata nella seconda metà del terzo secolo avanti Cristo, fu la prima capitale della dinastia Arsacide e parte integrante del nucleo territoriale da cui cominciò la loro conquista dell'Impero seleucide e la successiva fondazione dell'impero Partico.

Il sito, studiato in maniera continuativa dal dopoguerra, è divenuto patrimonio dell'umanità nel 2007.

La città si trova ai piedi della catena montuosa del Kopet Dag che agisce da riserva d'acqua[1]. Infatti, nonostante il clima arido della regione, grazie a torrenti stagionali, canali artificiali e qanat è stata possibile fin dall'antichità una fiorente agricoltura in tutta la fascia pedemontana che si estende da est a ovest lungo il Kopet Dag[1][Nota 1]. La tradizione vuole che Nisa sia stata fondata da Arsace I (prima del 250 a.C.-211 a.C.), il capostipite degli Arsacidi. Gli scavi non hanno rivelato livelli anteriori a quello arsacide ma la presenza di ceramica più antica non confuta definitivamente l'ipotesi che ci fosse almeno una qualche presenza umana precedente all'arrivo dei Parni[1][Nota 2].

Il sito è composto da due tell distanti l'uno dall'altro due chilometri e separati al giorno d'oggi dal villaggio di Bagyr. Il complesso a nord è chiamato Nisa Nuova mentre quello a sud Nisa Vecchia. La nomenclatura non deve però confondere dato che si ritiene che la città originale fosse Nisa Nuova e che Nisa Vecchia sia stata fatta erigere dal primo re dei re partico Mitridate I (da lui il nome antico del complesso Mithrdātkirt "fortezza di Mitridate" in partico)[2]. Nisa Nuova è stata tralasciata finora dalle ricerche archeologiche sia per il fatto che è stata utilizzata per l'agricoltura (contaminando e distruggendo i livelli stratigrafici) sia perché i pochi rilevamenti fatti hanno evidenziato soprattutto resti medievali[1][3].

Il nome della città di Nisa è rimasto impresso nelle fonti greche e romane nel nome di una famosa razza equina dell'antichità e tarda antichità[4][5].

 Fotografia a grandangolo dall'angolo occidentale di Nisa VecchiaNisa Vecchia  Nisa Vecchia vista da ovest

Il complesso di Nisa Vecchia si erge su una collina spianata e squadrata circondata da mura di mattoni cotti. Si possono distinguere due gruppi di edifici; a nord abbiamo la Casa Quadrata che costruita originariamente per ospitare banchetti ma che con il tempo fu relegata a magazzino; lì è stata ritrovata la maggior parte dei reperti intatti. A sud del tell troviamo invece un gruppo di edifici comprendente l'Edificio a Torre, la Sala Quadrata, la Sala Rotonda e l'Edificio Rosso[6]. Al loro interno si possono ammirare elementi che ci si potrebbe aspettare in una reggia ellenistica ed elementi che invece sono del tutto estranei a questa tradizione[2][7][8][6][3]. Osservando la pianta degli edifici, soprattutto nel complesso sud, si nota che lo stile che gli architetti parti decidono di adottare non rimanda alla Grecia e all'ellenismo anche se, allo stesso tempo, contempla stanze abbellite da capitelli ionici e statue di marmo e d'argilla alla moda greca[3]. Queste scelte dimostrano che ci fosse un interesse da parte della dinastia arsacide per l'occidente[2] e contemporaneamente un substrato artistico-culturale integrante l'ellenismo[8].

^ a b c d Carlo Lippolis, Parthian Nisa: Landscape, topography and settlement planning, in Learnings and conclusions from new archaeological investigations and discoveries. Proceedings of the First International Congress on Central Asian Archaeology held at the University of Bern, 4–6 February 2016, 1ª ed., Harrassowitz Verlag, 2019, pp. 73–84, ISBN 978-3-447-11169-0. ^ a b c Josef Wiesehöfer, La dinastia degli Arsacidi, in La Persia Antica, Bologna, Il Mulino, 2003. ^ a b c Errore nelle note: Errore nell'uso del marcatore <ref>: non è stato indicato alcun testo per il marcatore :1 ^ Errore nelle note: Errore nell'uso del marcatore <ref>: non è stato indicato alcun testo per il marcatore :2 ^ LacusCurtius • Oppian — Cynegetica, Book 1 vv 312, su penelope.uchicago.edu. ^ a b (EN) Encyclopaedia Iranica Foundation, Welcome to Encyclopaedia Iranica, su iranicaonline.org. ^ Errore nelle note: Errore nell'uso del marcatore <ref>: non è stato indicato alcun testo per il marcatore :3 ^ a b ANTONIO INVERNIZZI, Old Nisa and the Art of the Steppes, in Bulletin of the Asia Institute, vol. 10, 1996, pp. 33–38. URL consultato il 22 gennaio 2023.


Errore nelle note: Sono presenti dei marcatori <ref> per un gruppo chiamato "Nota" ma non è stato trovato alcun marcatore <references group="Nota"/> corrispondente

Fotografie di:
Statistics: Position
1458
Statistics: Rank
88924

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Sicurezza
274681593Fai clic/tocca questa sequenza: :codice
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.

Google street view

Dove puoi dormire vicino Nisa (città) ?

Booking.com
557.879 visite in totale, 9.238 Punti di interesse, 405 Destinazioni, 6.351 visite oggi.