Ortigia è il toponimo dell'isola che costituisce la parte più antica della città di Siracusa.

La sua estensione è di circa 1 km² e la sua popolazione ammonta a 3889 abitanti (2020).

È affiancata a est da alcuni scogli, tra cui uno più largo ma quasi interamente sommerso storicamente conosciuto come l'isola dei cani.

Epoca antica L'epoca greca

La colonizzazione greca di Siracusa, avvenuta nell'VIII secolo a.C., è partita da Ortigia: è Tucidide che informa come l'isola fosse a quel tempo già abitata dal popolo dei Siculi e che questi infine dovettero cederne il controllo alla spedizione corinzia comandata dall'eraclide e bacchiade Archia.[1]

Il mito fondativo, reso noto da Pausania, parla di un responso di Apollo, il quale rivelò all'ecista Archia, recatosi presso l'oracolo di Delfi, l'esatto luogo dove doveva avvenire la sua ktisis, ovvero la fondazione di una polis:

 Apollo con la Nike sovrastano l'onfalo, la pietra oracolare di Delfi (museo del Louvre)
(GRC)

«Ὀρτυγίη τις κεῖται ἐν ἠεροειδέι πόντῳ,
Θρινακίης καθύπερθεν,
ἵν᾽ Ἀλφειοῦ στόμα βλύζει.
μισγόμενον πηγαῖσιν ἐυρρείτης Ἀρεθούσης.»

(IT)

«Un'isola Ortigia, giace sull'oceano nebbioso
Di contro a Trinacria, dove la bocca di Alfeo
Gorgoglia mescolandosi con le fonti della vasta Aretusa.»

Con l'arrivo dei Dori Ortigia viene unita tramite un terrapieno litico all'Acradina, sorta all'interno dell'antico insediamento siculo di Syraka (secondo lo scolio a Callimaco: Συρακώ e Συρακούς[3]).

Del terrapieno litico, divenuto in seguito un vero e proprio ponte, ne danno notizia uno scoliasta di Pindaro sulla prima Nemea[4] e un canto - del quale parla anche Strabone[5] - del poeta lirico di VI secolo a.C. Ibico di Reggio.[6]

L'isola diviene presto il centro religioso e politico dei nuovi coloni: nella sesta Olimpica Pindaro narra che alla fondazione della polis avevano partecipato anche dei sacerdoti giunti da Olimpia; stirpe di indovini che si diceva discendente di Iamo (il figlio di Apollo nato sulle sponde dell'Alfeo o sul monte Cillene, culla del dio Hermes); alcuni autori odierni sostengono che furono gli Iamidi di Olimpia, che presero dimora in Ortigia, a introdurvi il culto di Alfeo e Aretusa.[7] Secondo il filologo classico Luigi Lehnus, invece, Pindaro avrebbe potuto voler fare riferimento a una collaborazione tra gli Iamidi e Gelone, nel momento in cui la casata rodio-cretese dei Dinomenidi, giunta da Gela, instaura a Siracusa il suo duraturo governo.[8]

 Ortigia, colonne superstiti del tempio di Apollo (VI secolo a.C.) La fonte Aretusa, che sgorga nell'isola di Ortigia

I coloni greci edificano in Ortigia alcuni dei loro templi più importanti, ma l'identificazione della divinità alla quale essi scelgono di consacrarli è rimasta per gli studiosi per diverso tempo incerta. Il tempio greco più arcaico sorge sulla parte più alta dell'isola, nell'attuale piazza del Duomo, individuato all'inizio del XX secolo dall'archeologo Paolo Orsi; costui, sceso nelle fondamenta del palazzo del Vermexio, osservando i resti del tempio che vi trovò, lo definì come «decorato secondo il gusto ionico».[9]

La presenza di un tempio ionico (uno dei rari esempi nell'Occidente greco) in una colonia di Dori ha destato curiosità, ponendo diversi interrogativi (si è supposto l'arrivo di maestranze dall'Asia Minore[N 1]). Odiernamente lo si considera un Artemísion e lo si data al VI secolo a.C.[9] In passato anche il tempio sorto nei pressi dell'entrata di terra dell'isola, stavolta eretto in stile dorico, è stato attribuito alla dea della Luna, ma il ritrovamento successivo di un'epigrafe arcaica, scolpita nei suoi gradini, ha fatto propendere per un'attribuzione al suo gemello, il dio Apollo (la parte leggibile della scritta parla di Kleomenes, che ha lavorato per Apollo).[14] L'Apollonion è datato anch'esso al VI secolo a.C. ed è il più antico tempio periptero innalzato dai Dori in Sicilia: una particolarità che ne denota l'arcaicità sono le sue colonne monolitiche.[15]

Infine si sa molto poco dell'altro tempio arcaico dorico, che sorgeva di fianco a quello ionico e che nel V secolo a.C. è stato sostituito dal tempio di Atena:[16] Gelone avrebbe fatto erigere quest'ultimo tempio nel 480 a.C. per celebrare la vittoria della battaglia di Himera: ciò segna anche il principio del plurisecolare conflitto - guerre greco-puniche - tra Cartagine (capitale fenicia che da tempo controllava la parte occidentale della Sicilia) e Syrakousai (la cui egemonia cominciava a crescere nella parte orientale dell'isola).

I due approdi danno a Ortigia un ruolo molto importante nella difesa della polis, difatti è nei pressi del suo porto Grande che nel 413 a.C., durante la spedizione ateniese in Sicilia (nel contesto della guerra del Peloponneso), avviene la battaglia navale tra i soldati di Atene e quelli di Siracusa: una prima battaglia vinta dagli Ateniesi e una seconda battaglia, decisiva, vinta dai Siracusani.

Ed è sempre dal porto Grande di Ortigia che il 15 agosto del 310 a.C. (la data esatta la si apprende da un'eclissi solare descritta dalle cronache) Agatocle, futuro basileus di Sicilia, forza il blocco imposto dalle navi di Cartagine - la quale assedia Siracusa dal 311 a.C. al 309 a.C. - e come diversivo strategico conduce una spedizione siracusana in Africa, che diventa la prima ad aver attaccato sul suolo natio i domini cartaginesi, facendo vacillare la potenza imperiale della capitale fenicia.

 Aretusa, simbolo di Ortigia, su una moneta siracusana coniata da Dionisio I: egli fece spostare la zecca della polis nella rocca ortigiana (Euainetos, IV secolo a.C.)

Ortigia diventa la dimora dei tiranni di Siracusa, incominciando da Dionisio I, che ne fa evacuare la popolazione, permettendo di dimorarvi solo alla sua corte e alla sua guardia del corpo, composta da numerosi mercenari dell'esercito siracusano.[17][18] Particolarmente imponente doveva essere la rocca dello stratēgos autokratōr che diede l'avvio all'età dionigiana. La costruzione (chiamata in diversi modi: Diodoro e Plutarco la definiscono tyranneia di Ortigia[19][18], ma è nota anche come cittadella e acropoli[20]) sorgeva su di un luogo alto e ben protetto da mura e da torri, piena di giardini; in una di queste aree verdi, nel 361 a.C. vi era l'abitazione del filosofo ateniese Platone,[21] il quale, nei suoi viaggi in Sicilia, frequentava assiduamente la corte dionisiana, avendo per discepolo il regnante Dionisio II.

Nella rocca, al cui interno era stata trasferita anche la zecca di Siracusa, c'era un portico adorno di statue; tra queste - in tal caso a narrare è Diogene Laerzio, che riporta un frammento di Timeo di Tauromenio - si trovava quella di Hermes (Mercurio per i Romani): sul capo che rappresentava il dio del logos, il discepolo di Platone Senocrate (futuro scolarca dell'Accademia di Atene), pose una corona d'oro che gli era stata donata da Dionisio II, avendola vinta in un gioco di corte.[22]

L'intera rocca, assaltata da Dione - zio di Dionisio II e anch'egli discepolo di Platone - nel corso della guerra civile di Siracusa del 357 a.C., viene infine rasa al suolo durante il governo del corinzio Timoleonte. Sulle ceneri della reggia dionisiana, il dinomenide Gerone II costruisce il suo palazzo.

L'epoca romana

Nel 215 a.C., nel corso delle guerre puniche, Siracusa si allea con Cartagine per cercare di contrastare la potenza della Roma repubblicana, che con i suoi eserciti era ormai giunta a controllare buona parte della Sicilia.

La mossa degli ultimi discendenti dei Dinomenidi rompe la pluridecennale pace che era stata mantenuta tra Siracusa e Roma per volere del basileus Gerone II (dopo che questi aveva avuto un iniziale scontro con i Romani, poi fatto cessare quando la polis si era vista assediata anche dalle città sicule, divenute alleate dell'urbe).

 Archimede concentrato sui suoi studi, mentre il soldato romano gli impone di seguirlo (dipinto di Domenico Udine Nani, tratto dalla nota leggenda sulla morte di Archimede di Siracusa)

Roma, che dapprima rispetta i confini di quello che era stato il Regno di Gerone II, quando sa di questa alleanza manda il console Marco Claudio Marcello a conquistare la pentapoli. L'assedio per i Romani si rivela molto complesso, per via dell'operato di Archimede: lo scienziato siracusano - che in tempo di pace aveva vissuto alla corte di Gerone II, mettendo al servizio di costui la propria genialità - decide in tempo di guerra di condurre la difesa aretusea, dirigendo dalle mura di Ortigia incredibili macchine: tra tutte si ricordano specialmente gli specchi ustori, con i quali fa bruciare le navi romane che assediano il porto.

Rifornita di cibo dalla flotta di Cartagine e con le macchine di Archimede che non permettono ai Romani di avvicinarsi alle mura, Ortigia resiste a oltranza. Tuttavia, un comandante iberico di nome Merico, custode della porta della fonte Aretusa, alleatosi segretamente con il console Marcello, spalanca quell'ingresso alle legioni romane. È l'effetto sorpresa a determinare la caduta dell'isola nel 212 a.C.

Terminata la conquista (l'ultima parte della pentapoli ad arrendersi è l'Acradina, che si consegna a Marcello dopo aver saputo della caduta di Ortigia), il console porta le ricchezze di Siracusa a Roma (Tito Livio dirà che queste erano così tante che avrebbero trovato eguali solo se si fosse conquistata all'epoca Cartagine[23]).

Con i Romani l'isola viene nuovamente evacuata: solo il pretore romano può risiedervi.[24]

 Ortigia: sui muri dell'antica cella del tempio di Atena, divenuto cattedrale cristiana, viene incisa la scritta che attesta le origini petrine della chiesa siracusana[N 2]

L'Ortigia al tempo dell'Impero romano viene descritta da fonti tardive (risalenti all'epoca successiva alla caduta dell'Impero). Sull'isola si insedia una comunità ebraica: secondo l'agiografia di Marciano di Siracusa, essa è già presente nel I secolo, quando giunge il protovescovo da Antiochia di Siria, mandato dall'apostolo Pietro. Ciononostante, la collocazione di Marciano (o Marziano)[N 3] in tempi apostolici è di per sé argomento dibattuto (sulla presenza apostolica a Siracusa parla un passo della Bibbia, Nuovo Testamento, dove si afferma che nell'anno 61 l'apostolo Paolo si ferma per tre giorni in città[28]).

La comunità giudaica di Ortigia, probabilmente, si sviluppa dopo il III-IV secolo, poiché fino ad allora essa è archeologicamente attestata all'Acradina[N 4] (quartiere che in quel periodo vede inoltre il martirio di Lucia da Siracusa, nel contesto delle persecuzioni dei cristiani nell'Impero romano).

L'epoca bizantina e araba

In epoca bizantina Ortigia diventa la sede della chiesa siracusana: artefice del mutamento ecclesiastico è il vescovo Zosimo (che fu custode della tomba di santa Lucia), il quale, nel VII secolo, ne fa spostare la cattedrale dall'Acradina, sita nella chiesa di San Giovanni alle catacombe (dove la tradizione cristiana aretusea pone il martirio e la tomba del protovescovo Marciano), all'isola di Ortigia, nel tempio pagano dell'Athenaion, che con l'affermarsi della nuova fede i bizantini di Siracusa trasformano in basilica paleocristiana.[31] Zosimo dedica la nuova cattedrale alla Madre di Dio.[32]

 La parte orientale di piazza del Duomo di Ortigia vista dall'alto

Durante le guerre arabo-bizantine l'imperatore Costante II sposta la capitale dell'Impero romano d'Oriente da Costantinopoli a Siracusa, e sebbene sia lecito supporre che la ex-pentapoli attirasse le mire imperialistiche dei Greci del Bosforo, il reale motivo di questo cambio di potere rimane incompreso e dura poco (dal 663 al 668), difatti, una congiura elimina Costante II, mentre il figlio di costui, Costantino IV, nel 669 irrompe a Siracusa con le truppe imperiali e ristabilisce la capitale nella futura Istanbul.[33]

Sempre nel 669 Siracusa subisce una prima occupazione araba; giunge da Alessandria d'Egitto, ma è comandata dal siriaco califfato omayyade (i primi prigionieri siciliani sono condotti a Damasco già nel 665).[34] Seguono altre incursioni,[35] fino ad arrivare al decisivo assedio dell'878, stavolta condotto dall'emirato degli Aghlabidi, insediatosi in Tunisia (dove un tempo sorgeva l'impero di Cartagine). È il governatore della Palermo islamica, Giafar ibn Muhammad, a espugnare Siracusa, il mercoledì 21 maggio, dopo 9 mesi di duro assedio, durante i quali il porto di Ortigia rimane bloccato, di conseguenza la popolazione patisce la fame, impossibilitata a procurarsi il cibo sia per terra che per mare (gli assedianti, dice l'arabista Michele Amari, erano stanchi d'essere trattenuti da una legione di spettri[36]). Infine una breccia nelle mura si rivela fatale (nessun aiuto giunse da Costantinopoli[N 5]).

In maniera analoga a quanto accaduto con l'espugnazione romana di Siracusa, anche le cronache arabe si meravigliano per le ricchezze trovate all'interno della città; il cronista mesopotamico Ali Ibn al-Athir afferma: «non essersi mai fatta sì ricca preda in altra metropoli di Cristianità».[39]

Epoca medievale Dall'epoca normanna all'epoca aragonese

La presa araba, a differenza di quella romana, ha come conseguenze l'eccidio della popolazione, la deportazione in schiavitù dei superstiti e l'incendio dato a quella che fino all'878 era stata la capitale della Sicilia. Questo è l'evento che per Ortigia segna una svolta epocale: il nucleo abitativo di Siracusa si concentra adesso solo sull'isola.[40][N 6]

 
 
Tra i vicoli di Ortigia: in foto, sotto, il portone del palazzo medievale della Camera delle regine di Sicilia

Nel 1040 approda il generale bizantino Giorgio Maniace, accompagnato da soldati Vichinghi, la cui fazione normanna finisce con il prendere il sopravvento sui Bizantini e sfida in solitaria gli Arabi di Sicilia: è nel porto Grande ortigiano che nel maggio del 1086 avviene lo scontro navale notturno tra l'ultimo emiro siciliano, Benavert, e il normanno Ruggero I di Sicilia.[44] La vittoria normanna segna anche per Siracusa la fine della dominazione islamica, della quale Ortigia non conserva le vestigia. Le moschee vengono riconvertite in chiese cristiane: l'ultima moschea a essere abolita è l'Apollonion (così come la cattedrale, anche l'antico tempio di Apollo era divenuto sede del culto islamico).[45]

Nonostante Costantinopoli abbia sempre continuato a considerare esistente la chiesa siracusana,[46] la data ufficiale del suo ripristino è il 1093.[47]

Nel luglio 1127, mentre Ruggero II mira a conquistare il Nord Africa,[N 7] in Ortigia si verifica l'ultimo assalto arabo: la popolazione riesce solo in parte a rifugiarsi sui monti Iblei, il resto di essa viene trucidato, la città è nuovamente predata e data alle fiamme.[48] Ciò sancisce, secondo diversi storici, la decisione dei Normanni di stringere alleanza con i papi e entrare a far parte delle Crociate[49] (altra conseguenza diretta è l'invasione normanna di Malta, anch'essa risalente al luglio 1127[50]).

L'isola di Ortigia, che durante il Regno di Sicilia normanno è descritta dal geografo arabo Idrisi con termini entusiastici (è definita come una ricca fortezza mercantile[N 8]), viene contesa al principio dell'epoca sveva dalle repubbliche marinare di Genova e di Pisa: i genovesi nel 1205 vincono i toscani e staccano Ortigia dalla corona siciliana, governandola come un loro feudo per più di un decennio.[52] Il predominio ligure si verifica durante l'infanzia del re siciliano Federico II di Hohenstaufen, fino al 1221, quando il sovrano svevo viene a reclamare la città, appena eletto imperatore del Sacro romano impero, e la reintegra nella corona di Sicilia.[53]

 Il castello Maniace d'Ortigia, edificato nel XIII secolo da Federico II di Svevia (in seguito divenne anche sede della Camera reginale)

Nel 1232 Federico edifica il castello Maniace, sull'estrema punta dell'isola di Ortigia, e lo intitola allo strategos che aveva guidato la prima spedizione greca e che aveva condotto i Normanni sull'isola.

Seguono interi decenni di guerre siciliane, note come le guerre del Vespro, sorte quando la casa imperiale germanica degli Hohenstaufen viene osteggiata dal papato, il quale agli eredi del Sacro romano impero preferisce sul trono di Sicilia il principe francese Carlo I d'Angiò, ma costui non è accettato dai siciliani. La lotta di successione si protrae fino alla metà del XIV secolo, quando il neo Regno di Trinacria entra a far parte dell'iberica corona d'Aragona.

Fin dal 1302 l'isola di Ortigia (formalmente Siracusa) diventa sede della Camera reginale, istituita dal re barcellonese Federico III come dono di nozze per la regina consorte Eleonora d'Angiò (la Camera è una vera e propria dote[54] ed è un retaggio catalano, sostiene lo storico di diritto Giuseppe Salvioli[55]). Divenuta feudo delle regine siciliane e capoluogo di diverse altre città, appartenenti alla Camera, Siracusa si avvale di una larga autonomia e poiché la sua posizione giuridico-politica diventa sfuggente, gli storici odierni la definiscono come «uno stato dentro un altro stato».[56]

Epoca moderna L'Impero spagnolo  Mappa dell'isola di Ortigia: come appariva dopo il complesso sistema fortificato voluto dagli Asburgo di Spagna

Nel 1506 Germana de Foix, sposa di Ferdinando II d'Aragona, eredita la Camera reginale, diventandone la decima e ultima regina: alla morte del re aragonese, nel 1516, subentra sul trono di Sicilia (su cui siede ormai da tempo un viceré) il primo re di Spagna e imperatore del Sacro romano impero Carlo V d'Asburgo. Nonostante i tumulti siciliani dovuti al nuovo cambio di potere, Germana rimane la regina dei siracusani. Tuttavia, stanche di essere parte di questo particolare sistema feudale, le città reginali ne chiedono l'abolizione.

L'imperatore germanico vede nell'isola di Ortigia un importante baluardo per i confini orientali dell'Impero spagnolo (la considera la chiave levantina del Regno di Sicilia[57]), ne dispone quindi una monumentale opera di fortificazione.

Carlo V, inoltre, demolisce il collegamento artificiale che fin dai tempi greci univa Ortigia alla Sicilia e ne fa scavare l'ingresso, rendendolo molto articolato.[58][59] Il risultato è notevole e l'isola di Ortigia, nel tempo, si guadagna la fama di impenetrabile fortezza; ciò, però, a discapito della libertà (il porto Piccolo viene fatto guastare, per non offrire ripari al nemico,[60] e il porto Grande diventa così privo di commercio che alcune fonti, erroneamente, sostengono che l'imperatore abbia fatto distruggere pure quello[61][62]).

Il ripristino delle fortificazioni aretusee è dovuto agli attacchi della Sublime porta di Istanbul, nel contesto delle guerre ottomano-asburgiche, che coinvolgono il Mediterraneo[63] (più volte le mura di Ortigia arriveranno a essere minacciate dai corsari del sultano Solimano il Magnifico[N 9] ). Quando l'Impero ottomano fa cadere l'isola di Rodi, i cavalieri giovanniti, nel 1529, trovano rifugio all'interno dell'isola di Ortigia (da qui, nel 1530, diventano signori dell'arcipelago maltese, il quale viene definitivamente staccato dal Regno di Sicilia).[69]

 Ortigia dal suo lato di ponente (la marina e il porto)

Durante l'epoca spagnola Ortigia è colpita da diverse calamità naturali: tra gli eventi più distruttivi vi è il terremoto del 1542 (una magnitudo 7.0 che dirocca gli edifici ortigiani e forma delle «tempeste di mare» che costringono gli abitanti a cercare rifugio sulle barche[70]).

Nel 1563 dentro Ortigia si fabbrica il quartiere militare spagnolo, il quale comprende il tempio di Apollo, che viene trasformato dai soldati iberici nella loro unica e centrale dimora (è in tale occasione che l'arcaico edificio, un tempo consacrato al culto solare, subisce i maggiori danni).[71] I rapporti tra la milicia española e gli ortigiani sono spesso burrascosi.[N 10]

Nel 1608, mentre fugge dai cavalieri di Malta, approda nella fortezza il pittore milanese Caravaggio; durante la sua permanenza dipinge per il senato siracusano la tela intitolata Seppellimento di santa Lucia.

Nel 1646 il popolo di Ortigia, afflitto da grave carestia, prega santa Lucia nella cattedrale affinché la penuria di cibo finisca; il volo di una colomba all'interno della chiesa, il 13 maggio, precede l'ingresso nel porto di navi cariche di grano (l'evento è alla base della festa ortigiana odierna nota come «santa Lucia delle quaglie»).[74]

La rivolta antispagnola di Messina fa entrare nel 1674 la Sicilia nella guerra d'Olanda: i messinesi, sperando in un cambio di potere che faccia della loro città la nuova capitale del Regno di Sicilia,[75] si alleano con il re Sole Luigi XIV di Francia (che era in lotta con spagnoli e olandesi). Le mire dei francesi si rivolgono fin da subito nel siracusano, ma non giungono ad attaccare le mura di Ortigia (francesi e messinesi conquistano Augusta e Melilli, ma si bloccano sui monti Iblei, dove sono respinti;[76] all'interno della fortezza muore l'ammiraglio olandese Michel Adriaenszoon de Ruyter[77]). Nel 1678 il re di Francia decide di firmare il trattato di pace con il giovane re di Spagna Carlo II, ponendo fine anche alla contesa siciliana.

La Spagna, come conseguenza dei fatti recenti, non fidandosi più dei siciliani, dichiara nel 1679 l'isola di Ortigia piazza d'armi, affidandola a un governatore militare (che risiede nel castello Maniace).[78]

Il terremoto del Val di Noto del 1693 (con una magnitudo 7.3) provoca ingenti danni e vittime anche in Ortigia (sebbene, sostengono le fonti, quello del 1542 fu per la fortezza più distruttivo): la ricostruzione che ne segue nella Sicilia orientale fa nascere l'arte nota come barocco siciliano.

L'epoca borbonica  L'Ortigia-fortezza in un dipinto del pittore austriaco Josef Langl (XIX sec.)

L'impero spagnolo va incontro alla sua dissoluzione con la guerra di successione spagnola (sorta con la morte dell'ultimo Asburgo di Spagna, Carlo II), nella quale la corona siciliana è contesa da più sovrani: l'arciduca d'Austria, Carlo d'Asburgo, rinuncia al titolo di sovrano della Spagna e delle Americhe per essere incoronato re di Sicilia; viceversa, il nipote del re Sole e primo dinasta dei Borbone di Spagna, Filippo V, accetta il titolo spagnolo e americano ma perde quello siciliano (trattato di Utrecht, 1713). Gli spagnoli, ciononostante, impiegano le risorse monetarie che li giungono dai territori americani per allestire nel 1718 una spedizione da inviare in Sicilia, per riconquistarla.[79][80]

La fortezza di Ortigia è in questa delicata fase testimone di più eventi importanti che si susseguono: essa è l'ultimo rifugio dei piemontesi del viceré Annibale Maffei[81] (che difende la corona di Sicilia per il re Vittorio Amedeo II di Savoia, dopo che il Piemonte l'aveva ricevuta dai trattati della Quadruplice Alleanza); vi è l'intervento nelle sue acque dell'Inghilterra di re Giorgio I, il quale manda la Royal Navy dell'ammiraglio George Byng a sconfiggere i galeoni dell'Armada Española (battaglia di Capo Passero);[82][83] assediata allora invano dall'Ejército de Tierra,[83] la fortezza, come il resto della corona siciliana, è ceduta nel 1720 all'austriaco Carlo d'Asburgo; ma anche questa volta non si tratta di un assetto duraturo: poco dopo un decennio, sottratta l'isola ai germanici, la travagliata corona va ai discendenti italici dei Borbone (che risiedono nel Regno di Napoli).[84]

 Antichi palazzi d'Ortigia

Anche in questo ultimo assedio la fortezza di Ortigia resiste fino alla fine, arrendendosi il 1 giugno 1735,[85] dopo un bombardamento durato quasi tutto il mese di maggio. Durante l'assalto dei cannoni alle mura, il popolo della fortezza attribuisce a santa Lucia l'avvento di un miracolo: una bomba inesplosa che determina la resa del comandante austriaco.[86]

 Ortigia e i suoi vicoli

Nel 1798, dopo un periodo di pace nel reame napoletano, naviga nelle acque aretusee la flotta di Napoleone Bonaparte (in realtà diretto a Malta e poi ad Alessandria d'Egitto); lo insegue l'ammiraglio Horatio Nelson, il quale rifornisce di viveri la propria flotta nell'isola di Ortigia, attingendo all'acqua della fonte Aretusa.[87]

Segue l'epoca napoleonica, che vede il Regno di Napoli entrare a far parte dei domini dei Bonaparte ma la Sicilia rimanere roccaforte dei Borbone, posti sotto la protezione dei soldati inglesi, dei quali l'isola di Ortigia diventa, insieme a Palermo e Messina, principale base[88] - questo periodo siciliano è noto come «decennio inglese».[89] Dal 1807 risiede quindi all'interno della fortezza il successore di Nelson, l'ammiraglio Cuthbert Collingwood.[90] Da premettere che in quei frangenti il porto ortigiano funge da base militare anche per i soldati degli Stati Uniti d'America (giunti durante le guerre barbaresche)[N 11] e per i soldati russi (alleati degli inglesi nelle guerre napoleoniche).[N 12]

Nel 1837 l'isola di Ortigia è afflitta dal colera; la crisi sanitaria provoca una crisi politica (viene diffusa la voce che funzionari borbonici abbiano avvelenato l'acqua e il cibo della fortezza[101]): non avendo accettato i siciliani la nascita del Regno delle Due Sicilie (con il quale la corona di Sicilia nel 1816, dopo la sconfitta di Napoleone Bonaparte, viene estinta e fusa in quella napoletana), la fortezza, nel caos provocato dall'epidemia, è coinvolta nei moti rivoluzionari contro i Borbone (questi portano nel 1848 alla momentanea rinascita del Regno di Sicilia, in cerca di un nuovo re[102]). L'intera Sicilia, dopo l'esperienza rivoluzionaria - riconquistata nel 1849 dai Borbone -, passa ai garibaldini nel 1860 (con la spedizione dei Mille): nel 1861 nasce il Regno d'Italia di Vittorio Emanuele II di Savoia.

Epoca contemporanea  Targa in memoria del Cav. Gaetano Adorno La porta della marina di Ortigia: una delle pochissime fortificazioni a non essere stata abbattuta

Ortigia si presenta alla soglia dell'epoca contemporanea con una popolazione che tra le sue vetuste mura ammonta a circa 20.000 persone[103] (il susseguirsi di guerre, calamità naturali e il suo isolamento hanno notevolmente influenzato la crescita demografica aretusea[104] ). Questa cifra si mantiene per tutta la durata del primo Novecento, ma con un cambiamento di rilievo: sul finire del XIX secolo viene rasa al suolo la quasi totalità delle sue fortificazioni spagnole e viene meno il suo antico ruolo di fortezza siciliana, i suoi abitanti, quindi, sono liberi di andare a edificare altrove le proprie abitazioni.[N 13][N 14]

 Il canale della Darsena

I tre profondi fossati,[106] attraversabili con dei ponti levatoi, che caratterizzavano il difficile ingresso dell'Ortigia-fortezza,[107] vengono quasi tutti interrati; ne rimane uno solo, che prende il nome di canale della Darsena e che rappresenta la striscia di mare che fa di Ortigia un'isola.[108] Un ponte di pietra su questo canale, chiamato ponte umbertino (dalla zona umbertina, sorta dove un tempo vi erano i forti spagnoli), collega stabilmente l'isola alla terraferma.[107]

 Il re Vittorio Emanuele III di Savoia approda in Ortigia per un'ispezione delle truppe nel corso della guerra (1941-42); sullo sfondo la popolazione lo accoglie

Ortigia, durante la seconda guerra mondiale, bombardata dal 1941 al 1943 dagli aerei degli alleati anglo-americani (rivolti contro i paesi dell'Asse, come veniva chiamata l'alleanza tra l'Italia fascista di Benito Mussolini e la Germania nazista di Adolf Hitler),[109][110] viene conquistata dall'VIII Armata britannica la sera del 10 luglio 1943 (nel contesto dello sbarco alleato in Sicilia e, più nello specifico, nel contesto dell'operazione Ladbroke).[111]

Terminato il conflitto bellico, si avvia per il capoluogo aretuseo un periodo di sviluppo edilizio, che concentrandosi soprattutto nella parte nord di Siracusa, negli anni '60 del Novecento determina il repentino spopolamento del suo centro storico.[112]

Un secondo ponte sul canale viene costruito negli anni '60 ed è detto dei calafatari (il nome gli deriva dagli antichi costruttori navali della Darsena). Sul finire del XX secolo Ortigia appare in stato di semi-abbandono; il suo decoro viene ristabilito con un progetto dell'Unione europea, Urban, conseguito nel 1996 e attuato all'inizio del nuovo millennio.[113] [114]

 Il nuovo ponte Santa Lucia

Nel 2004 viene inaugurato un nuovo ponte per Ortigia: il ponte Santa Lucia, parallelo all'umbertino; mentre nel 2014 viene demolito quello dei calafatari.[115]

Nel 2006 si reca in Ortigia il presidente della Repubblica italiana Carlo Azeglio Ciampi, il quale, in piazza del Duomo, scopre la targa che dichiara la città di Siracusa, congiuntamente con le necropoli rupestri di Pantalica, parte dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.[116] Nel 2009 all'interno di castel Maniace viene organizzata una sezione informale del G8 dell'Aquila: il forum del G8 Ambiente. L'odierna Ortigia ha circa 4.000 residenti[117] ed è diventata nuovamente il fulcro delle attività sociali e culturali del capoluogo siracusano: ciò ha avuto effetto anche nel suo settore commerciale; da una di ricerca di Confcommercio, la piccola isola, trainata in particolar modo dall'incremento del turismo, è risultata essere nel 2018 il centro storico più vitale d'Italia.[118]

Nel settembre 2023 il capo dello Stato italiano, il presidente Sergio Mattarella, accoglie in Ortigia il suo omologo tedesco, il presidente Frank-Walter Steinmeier, insieme eleggono al teatro comunale i vincitori del “Premio dei Presidenti” (istituito nel settembre 2020 a Milano per incentivare la cooperazione tra i comuni dei due Stati); la visita ortigiana comprende inoltre un colloquio al castello Maniace e la sosta in piazza del Duomo, alla fonte Aretusa e al museo Bellomo.[119]

^ Tucidide, Guerra del Peloponneso, VI 3, 2. Cfr. Francesca Mattaliano 2012 (pp. 119-134) Thuc. VI 3, 2: i Corinzi, Ortigia e Siracusa polyanthropos (PDF), su antoniorandazzo.it. ^ Trad. ita di Cecily Margaret Guido, Siracusa: guida storico pratica ai suoi principali monumenti ed ai luoghi d'interesse, 1960, p. 37. ^ Scholia in Callimaco, Scholia in Aitia (P. Berol. 11629 + P. Oxy. 18.2169; 19.2208, 2212; 20.2258 addenda, fragmenta inedita). Cfr. L'onomastica dell'Italia antica aspetti linguistici, storici, culturali, tipologici e classificatori, École française de Rome, 2009, p. 584. ^ Sch. Pi., N., 1, 1, 3, ll. 7-8 Drachmann. ^ Str., 1, 3, 18 in Francesca Mattaliano 2012 (pp. 119-134) Thuc. VI 3, 2: i Corinzi, Ortigia e Siracusa polyanthropos (PDF), su antoniorandazzo.it. ^ Fr. 321 Davies 1991. ^ Vd. anche Karl Otfried Müller, Prolegomeni allo studio scientifico della mitologia., 1991, p. 97. ^ Cfr. Lehnus 2004, p. 84 in Francesca Mattaliano 2012, p. 125, n. 29. ^ a b Marcella Pisani, La terracotta di Dionisio: Breve storia delle ricerche nell'area del tempio ionico in Per Françoise Fouilland: scritti di archeologia (a cura di), 2021, pp. 84-101. ^ Lorenzo Braccesi, Giovanni Millino, La Sicilia greca, 2000, p. 63; Herbert A. Cahn, La moneta greca e romana, 2000, p. 55. ^ Istituto poligrafico e Zecca dello Stato, Libreria dello Stato, Palladio, 1993, n. 11-12, p. 136. ^ Università di Catania, Istituto di archeologia, Architettura e urbanistica nella Sicilia greca arcaica..., 1994, p. 212. ^ I greci in Italia: civiltà e arte della Magna Grecia (a cura di), 2004, p. 291; I Greci in Occidente (a cura di), 1996, p. 61. ^ Biagio Pace, Arte e civiltà della Sicilia antica: arte ingegneria e artigianato, 1935, p. 206. ^ Alfonso Acocella, L'architettura di pietra: antichi e nuovi magisteri costruttivi, 2004, p. 202. ^ Il tempio di Athena, su galleriaroma.it. URL consultato il 3 agosto 2023 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2012). ^ Diodoro Siculo XIV 7, 5. ^ a b Cfr. Sergio Aiosa, Un palazzo dimenticato: I tyranneia di Dionisio I ad Ortigia (Quaderni di Archeologia dell’Università di Messina, 2), 2001, pp. 94-110. ^ Dio. Sic. XVI 70, 4; Plutarco Dion. 13, 4; Tim. 13, 5. ^ Marta Sordi, Scritti di storia greca, 2002, p. 366; Athenaeum, vo. 55, 1977, p. 243. ^ Cfr. Enrico Berti, Sumphilosophein - La vita nell'Accademia di Platone, 2012. ^ Timae. FGrHist 566 F 158a = Athen. 10, 437b; F 158b = Philodem. Ind. Ac. Herc. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita, XXV, 31.11. ^ Sulla Sicilia romana vd. Giacomo Manganaro, Per una storia della Sicilia romana in Politische Geschichte, 2016, pp. 442-461. ^ Vd. Amore, Marciano vescovo, col. 693; Rizzo, 2006, p. 80. ^ Salvatore Pricoco, Sicilia e Italia suburbicaria tra IV e VIII secolo, 1991, p. 146. ^ H. Delehaye, Problemi di metodo agiografico: le coordinate agiografiche e le narrazioni in Agiografia Altomedievale, a cura di S. Boesch Gajano, Bologna, 1976, pp. 49-56. ^ Atti degli Apostoli, 28, 12-13. ^ Encomio di S. Marciano in Acta Sanctorum Junii, Parigi, 1867, trad. dal greco a cura di A. Amore, S. Marciano di Siracusa, 1958. ^ a b c Cfr. Susanna Valpreda Gli ebrei nella Sicilia bizantina - Testimonianze letterarie e ritrovamenti archeologici (PDF), su mediterraneoantico.it. URL consultato l'11 agosto 2023. ^ Santi Luigi Agnello, Chiese siracusane del VI secolo in Archivio storico siracusano, n.s. V, 1978-79, p. 133. Cfr. in Angela Scandaliato, Nuccio Mulè, La sinagoga e il bagno rituale degli ebrei di Siracusa, 2002, p. 20. ^ Giuseppe Agnello, Santi Luigi Agnello, Il Duomo di Siracusa ed i suoi restauri, 1996, p. 46. ^ Costante II, in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. ^ Paolo Diacono, libro V, cap. 13. Lodovico Antonio Muratori, Rerum Italicarum scriptores, tom. I, parte I, p. 481: Antipapa Anastasio III, RIS, tom. III, p. 141 ecc... in Michele Amari, Storia dei musulmani di Sicilia, vol. I, 2021, n. 180. ^ Michele Amari, Storia dei musulmani di Sicilia, 1854, p. 169. ^ Cit. Storia dei musulmani di Sicilia scritta da Michele Amari, vol. 1, 1854, p. 402. ^ a b Bruno Lavagnini, Siracusa occupata dagli Arabi e l'epistola Teodosio Monaco in Byzantion, Vol. 29/30 (1959-1960), pp. 269-270. ^ Rivista di studi bizantini e neoellenici, vol. 40, 2004, p. 39. ^ Michele Amari, Storia dei Musulmani di Sicilia, vol. 1, 1854, pp. 405-406. ^ Francesco Gabrieli, Umberto Scerrato, Paul Balog, Gli Arabi in Italia: cultura, contatti e tradizioni, 1985, p. 235; Vito Salierno, I musulmani in Italia, secoli IX-XIX, 2006, p. 35. ^ Giovanni Battista Rampoldi, Annali musulmani, 1823, p. 65. ^ Michele Amari, Storia dei Musulmani di Sicilia, vol. 1, 1854, p. 406 e n.1. ^ Chronic. Cantabrig.Apud. Greg. Rer. Arabic. Script. pag. 43. 1. Cfr. S. Privitera, Storia di Siracusa, 1879, p. 601; Michele Amari, Biblioteca arabo-sicula, vol. 1, 1880, p. 279. ^ Alberto Leoni, La Croce e la Mezzaluna, 2020, cap. 6; Salvatore Russo, Melo Minnella, Siracusa medioevale e moderna, 1992, p. 43. ^ Giuseppe Michele Agnello, L’architettura normanna a Siracusa - La ricostruzione della diocesi di Siracusa al tempo di Ruggero il granconte in Machina Philosophorum - Testi e studi dalle culture euromediterranee (a cura di), n. 42, 2014, pp. 1-35. ^ (EL, FR) Jean Darrouzès, Notitiae episcopatuum Ecclesiae Constantinopolitanae. Texte critique, introduction et notes, Paris, 1981, p. 278, nn. 274-287; Rizzone, L'apporto dell'epigrafia..., p. 316. ^ Serafino Privitera, Storia di Siracusa antica e moderna, 1879, p. 17. ^ Serafino Privitera, Storia di Siracusa antica e moderna, 1879, p. 20. ^ Aurelio Bianchi Giovini, Storia dei papi, vol. 7, 1853, p. 324. ^ Michele Amari, Storia dei Musulmani di Sicilia, vol. 3, 1872, p. 388. ^ a b Cfr. Archivio storico siracusano, vol. 1-2, 1955, pp. 9-10. ^ Dino Puncuh, Storia di Genova: Mediterraneo, Europa, Atlantico, 2003, p. 334. ^ Siracusa in "Federiciana", in Enciclopedia fridericiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2005. ^ Viviana Mulè in Mauro Perani, Materia giudaica. Rivista dell'Associazione italiana per lo studio del giudaismo (2004) vol. 1-2, 2004, p. 232; Lia Pierotti Cei, Madonna Costanza: regina di Sicilia e d'Aragona, 1995, p. 270. ^ Giuseppe Salvioli, Storia del diritto italiano, 1921, p.448. ^ Cit. Enrico Mauceri in Archivio storico per la Sicilia orientale, vol. 3, 1906, p. 419. ^ Liliane Dufour, Henri Raymond, Siracusa tra due secoli, 1998, p. 54. ^ Giacomo Bonanni, duca di Montalbano Elicona, Delle Antiche Siracuse, 1717, p. 28. ^ Teresa Carpinteri, Siracusa, città fortificata, 1983, pp. 30-31; Vincenzo Mirabella, Delle Antiche Siracuse, vol. 2 (seguito del libro di Giacomo Bonanni, ovvero Le dichiarazioni della pianta dell'antiche Siracuse... descritte da D. Vincenzo Mirabella), 1717, p. 89. ^ Gaetano Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica, vol. 66, 1854, p. 304. ^ Guglielmo Capozzo, Memorie su la Sicilia tratte dalle più celebri accademie e da distinti libri di societa letterarie [...], 1842, vol. 3, p. 385. ^ Società di studi geografici di Firenze, Rivista geografica italiana, vol. 17, 1910, p. 587. ^ Teresa Carpinteri, Siracusa, città fortificata, 1983, p. 15. ^ Teresa Carpinteri, Siracusa, città fortificata, 1983, p. 14. ^ Giovanni Evangelista Di Blasi, Storia cronologica dei viceré, luogotenenti e presidenti del Regno di Sicilia, 1842, pp. 143-144. ^ Sebastiano Salomone, Storia di Augusta, 1905, p. 239 = Augusta illustrata, 1876, p. 72; Serafín María De Soto Y Abbach Clonard (conde de), Historia organica de las armas de infanteria y caballeria..., (ES) vol. 4, Madrid, 1853, p. 17. ^ Società Siracusana di Storia Patria, Archivio storico siracusano, 1995, p. 67 = vol. 9, 1963, pp. 22, 28. ^ Carlo d'Aragona a S.C.R.M. in Documenti per servire alla Storia di Sicilia, 1877, pp. 10-12. ^ Giovanni Antonio Vassallo, Storia di Malta, 1854, p. 339. ^ Giuseppe Cappelletti, Le chiese d'Italia dalla loro origine sino ai nostri giorni, vol. 21, 1870, p. 624; Gaetano Moroni, Dizionario Di Erudizione Storico-Ecclesiastica Da S. Pietro Sino Ai Nostri Giorni [...], 1854, p. 314. ^ Teresa Carpinteri, Siracusa, città fortificata, 1983, p. 34; Fernanda Cantone, Pietra e intonaco: Stone and plaster, 2012, p. 39. ^ Giuseppe Agnello, L'architettura sveva in Sicilia, 1935, p. 36. ^ Teresa Carpinteri, Siracusa, città fortificata, 1983, p. 25; Serafino Privitera, Storia di Siracusa antica e moderna, vol. 2 e 3, 1879, p. 150. ^ Elena Montanaro, Lucia di Siracusa: tra passato e presente, 2006, p. 70. ^ La cronaca di Emile Laloy (I, 209) citata in Saverio Di Bella, La rivolta di Messina (1674-78) e il mondo mediterraneo nella seconda metà del Seicento, 2001, p. 187. ^ Giuseppe Briganti, Erbesso Pantalica Sortino, 1969, p. 67; Societá siciliano per la storia patria, Archivio storico per la Sicilia, 1912, p. 452. ^ Giuliano Da Frè, I grandi condottieri del mare, 2016, cap. Con le spalle al muro (e sotto costa). ^ Teresa Carpinteri, Siracusa, città fortificata, 1983, p. 44. ^ Manuel de Mendiburu, Diccionario historico-biografico del Peru (ES) , vol. 3-4, 1878, pp. 194-195. ^ Centro Studi Piemontesi, Studi piemontesi, vol. 28, ed. 2, 1999, p. 546; Isidoro La Lumia, La Sicilia sotto Vittorio Amedeo di Savoia, 1877, p. 208. ^ Lo Faso di Serradifalco Alberico, Piemontesi in Sicilia con Vittorio Amedeo II. La lunga marcia del conte Maffei, in Studi Piemontesi, vol. XXXII, fasc. 2, 2003. ^ Historia de la marina real Española desde el descubrimiento de las Americas hasta la batalla de Trafalgar [...] (ES) , 1854, p. 628. ^ a b Il regno di Vittorio Amedeo II di Savoia nell'isola di Sicilia, dall'anno 1713 al 1719 documenti raccolti e stampati per ordine della maestà del Re d'Italia Vittorio Emanuele II, vol. 3, 1866, pp. 380-381, 395-396, 403, 414. ^ Gaetano Falzone, La Sicilia nella politica mediterranea delle grandi potenze: indipendenza o autonomia nei documenti inediti del Quai d'Orsay, vol. 5, 1974, p. 13. ^ Teresa Carpinteri, Siracusa, città fortificata, 1983, p. 48. ^ Serafino Privitera, Storia di Siracusa antica e moderna, vol. 2 e 3, 1879, p. 260. ^ Angelo Solmi, Lady Hamilton, 1982, p. 131. ^ W.M. Jackson, Redactado por distinguidos profesores y publicistas de España y América (ES) , p. 536; Società Siracusana di Storia Patria, Archivio storico siracusano, 1995, p. 39. ^ Michela D'Angelo, Rosario Lentini, Marcello Saija, Il "decennio inglese" 1806-1815 in Sicilia - bilancio storiografico e prospettive di ricerca: atti del Convegno internazionale di studi (Fondazione "Giuseppe Whitaker," Palermo, 14-15 dicembre 2018), 2020. ^ Cuthbert Collingwood Baron Collingwood, George Lewis Newnham Collingwood, A Selection from the Public and Private Correspondence of Vice-Admiral Lord Collingwood: Interspersed with Memoirs of His Life (EN) , vol. 1, 1828, pp. 331, 336-337. ^ Archivi: archivi d'Italia e rassegna internazionale degli archivi, 1956, p. 210. ^ Privitera, 1871, p. 287. ^ ASSr, Not. A. Avolio, 13753, ff. 463-464. ^ Storia e attualità della presenza degli Stati Uniti a Livorno e in Toscana: atti del Convegno, Livorno 4-5-6 aprile 2002 (a cura di Paolo Castignoli, Luigi Donolo, Algerina Neri), 2003, pp. 196-197, 200. ^ Camera dei deputati, Le Assemblee del risorgimento: Sicilia 1848-49, 1860, vol. 14, 1911, p. 564; Sicily (Italy). Parlamento, Collezione dei decreti del general parlamento di Sicilia, anno 1848, p. 73. ^ Pietro Colletta, Gino Capponi, storia del reame di Napoli dal 1754 sino al 1825, vol. 1, 1846, p. 207. ^ Istituto italiano per gli studi filosofici, Corrispondenze diplomatiche veneziane da Napoli: 19 settembre 1778 - 17 agosto 1790, p. 741; Quaderni Internazionali di Storia Economica e Sociale, 1979, p. 91. ^ Alain Blondy, Documents consulaires, Lettres reçues par le chargé d’affaires du Roi à Malte au XVIIIème siècle (FR) , volume 3, 2014, pp. 512, 520. ^ Clodomiro Perrone, Storia della Repubblica partenopea del 1799 e vite de' suoi uomini celebri, 1860, pp. 41-42. ^ Istituto Italiano per la Storia dei Movimenti Sociali e delle Strutture Sociali, Quaderni Internazionali di Storia Economica e Sociale, vol. 10-11, 1979, p. 226. ^ Serafino Privitera, Storia di Siracusa antica e moderna, vol. 3, 1879, p. 369. ^ Storia della siciliana rivoluzione del 1848-49: 1, vol. 1-2, Bologna 186, p. 367; Vito Ragona, Gabriello Carnazza, La politica inglese e francese in Sicilia negli anni 1848-1849, Parigi 1853. ^ Emmanuele De Benedictis, Siracusa sotto la mala signoria degli ultimi Borboni, 1861, p. 210; Nuova enciclopedia popolare, ovvero, Dizionario generale di scienze, lettere, arti, storia, geografia, ecc..., vol. 11, Torino 1849, p. 938. ^ Domenico Ligresti, Dinamiche demografiche nella Sicilia moderna: 1505-1806, 2002, pp. 72-73. ^ Fernanda Cantone, Pietra e intonaco, 2015, p. 40; Siracusa e le Necropoli rupesti di Pantalica (PDF), su core.ac.uk, 2005. URL consultato il 25 agosto 2023. (p. 61). ^ Salvatore Russo, Melo Minnella, Siracusa medioevale e moderna, 1992, p. 23; ^ a b Vd. studio su fonti moderne di Paolo Giansiracusa, Il ponte della Darsena a Siracusa (PDF), su antoniorandazzo.it. URL consultato il 27 agosto 2023. ^ Accademia di scienze lettere e arti di Palermo, Atti, parte 2, Lettere, 1941, p. 61. ^ Antonello Fernando Frattolillo (a cura di), Ufficio storico dello stato maggiore dell'esercito, Diario storico del Comando supremo, vol. IX, tomo I, parte II: dal 1.1.1943 al 30.4.1943, Roma 2002, pp. 491-492. ^ Alessandro Bellomo, 1943 Il martirio di un'isola, 2016, cap. Le rotte di attacco. ^ Domenico Anfora, La battaglia degli Iblei: 9-16 luglio 1943, 2016.Rick Atkinson, Il giorno della battaglia. Gli Alleati in Italia 1943-1944, 2015; Trevor Royle, The Royal Highland Fusiliers: A Concise History (EN) , 2011. ^ Fernanda Cantone, Pietra e intonaco, 2015, p. 40; Salvatore Russo, Melo Minnella, Siracusa medioevale e moderna, 1992, p. 36. ^ Il nome originale del progetto è PIC Urban Siracusa 1994-1999. Cit. Fernanda Cantone, Serena Viola, Governare le trasformazioni del patrimonio edificato, 2002, p. 80. ^ Ortigia e l’Europa, su siracusaculture.com. URL consultato il 30 agosto 2023. ^ Siracusa. Il ponte dei Calafatari sarà demolito ma non ricostruito (31 luglio 2014), su siracusaoggi.it. URL consultato il 29 agosto 2023. ^ Visita del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi alle città di Ragusa e di Siracusa e inaugurazione della Piazza della Memoria a Palermo..., su presidenti.quirinale.it. URL consultato il 30 agosto 2023. ^ Città di Siracusa - dati Statistici (21 maggio 2021), su comune.siracusa.it. URL consultato il 30 agosto 2023. ^ Commercio, Siracusa la città col centro storico più vitale, su siracusa.gds.it. URL consultato il 30 agosto 2023. ^ Mattarella e Steinmeier in piazza Siracusa, lungo applauso, su ansa.it. URL consultato il 4 ottobre 2023.; Il presidente Mattarella accoglie il collega tedesco Steinmeier a Ortigia, su rainews.it. URL consultato il 4 ottobre 2023.; Siracusa. Il presidente Mattarella col presidente tedesco Steinmeier: «Le regole di Bilancio europee non siano ottuse e cieche», su libertasicilia.it. URL consultato il 4 ottobre 2023.


Errore nelle note: Sono presenti dei marcatori <ref> per un gruppo chiamato "N" ma non è stato trovato alcun marcatore <references group="N"/> corrispondente

Fotografie di:
Agostino Artnoir Sella - CC BY-SA 2.0
Statistics: Position
3943
Statistics: Rank
28588

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Sicurezza
861347592Fai clic/tocca questa sequenza: :codice
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.

Google street view

Dove puoi dormire vicino Isola di Ortigia ?

Booking.com
522.631 visite in totale, 9.230 Punti di interesse, 405 Destinazioni, 138 visite oggi.